mercoledì 25 gennaio | 00:44
pubblicato il 05/mar/2013 16:12

Bankitalia: nel 2010 il 65% famiglie ha un reddito 'insufficiente'

Bankitalia: nel 2010 il 65% famiglie ha un reddito 'insufficiente'

(ASCA) - Roma, 5 mar - Nel 2010 il 65% delle famiglie italiane ritiene di avere un reddito insufficiente, mentre il 30% ritiene di poter risparmiare, contro il 50% registrato agli inizia degli anni novanta. E' quanto pubblica la Banca d'Italia nei Quaderni di Economia e Finanza col titolo ''Le difficolta' di risparmio nelle valutazioni delle famiglei italiane''.

''La recente flessione del saggio di risparmio delle famiglie italiane, quasi 4 punti percentuali tra il 2007 e il 2011, e' avvenuta - si elgge - a fronte di una sostanziale stazionarieta' in Francia e in Germania''. Dalle valutazioni espresse dalle famiglie nell'ambito dell'Inchiesta mensile sulla fiducia dei consumatori emergono chiari segnali ''di difficolta' delle famiglie nel riuscire a risparmiare la quantita' di risorse desiderata, in presenza di una marcata contrazione del reddito disponibile e del contestuale obiettivo di contenerne l'impatto sul proprio tenore di vita'', prosegue l'analisi degli economisti della Banca d'Italia.. ''La quota di famiglie che ritengono di avere effettive possibilita' di risparmio si e' collocata su livelli storicamente bassi, intorno al 30% dalla meta' dello scorso decennio (era sul 50% all'inizio degli anni novanta).

Sulla base di una simulazione condotta per il sottocampione dei giovani con elevata istruzione, il divario tra coloro che ritengono, rispettivamente, opportuno e possibile risparmiare e' aumentato soprattutto fra quelli che vivono soli, in affitto e che sono titolari di un contratto di lavoro a tempo determinato'', si legge ancora. E infine, ''a conferma del disagio espresso dai nuclei familiari, nel 2010 e' aumentata al 65% (era al di sotto del 40% nel 1990) la quota di quelli che valutano il proprio reddito inferiore a quanto ritenuto necessario.

L'incremento e' piu' diffuso per i nuclei che vivono in affitto, in cui il capo-famiglia e' operaio oppure disoccupato, pensionato, impiegato a tempo parziale'', conclude lo studio della Banca d'Italia.

com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Generali
Generali, il mercato scommette sulla scalata di Intesa Sanpaolo
Usa
Trump vede produttori auto, anche Marchionne, e promette "spinta"
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Taxi
Faro Antitrust su radio taxi, al via due istruttorie
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, ok Camera a mozione contro l'abuso di antibiotici

Roma, 24 gen. (askanews) - "Approvata dalla Camera la nostra mozione contro la resistenza agli antibiotici, un fenomeno che, di questo passo, entro il 2050 potrebbe diventare...

Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4