sabato 10 dicembre | 19:20
pubblicato il 05/mar/2013 16:12

Bankitalia: nel 2010 il 65% famiglie ha un reddito 'insufficiente'

Bankitalia: nel 2010 il 65% famiglie ha un reddito 'insufficiente'

(ASCA) - Roma, 5 mar - Nel 2010 il 65% delle famiglie italiane ritiene di avere un reddito insufficiente, mentre il 30% ritiene di poter risparmiare, contro il 50% registrato agli inizia degli anni novanta. E' quanto pubblica la Banca d'Italia nei Quaderni di Economia e Finanza col titolo ''Le difficolta' di risparmio nelle valutazioni delle famiglei italiane''.

''La recente flessione del saggio di risparmio delle famiglie italiane, quasi 4 punti percentuali tra il 2007 e il 2011, e' avvenuta - si elgge - a fronte di una sostanziale stazionarieta' in Francia e in Germania''. Dalle valutazioni espresse dalle famiglie nell'ambito dell'Inchiesta mensile sulla fiducia dei consumatori emergono chiari segnali ''di difficolta' delle famiglie nel riuscire a risparmiare la quantita' di risorse desiderata, in presenza di una marcata contrazione del reddito disponibile e del contestuale obiettivo di contenerne l'impatto sul proprio tenore di vita'', prosegue l'analisi degli economisti della Banca d'Italia.. ''La quota di famiglie che ritengono di avere effettive possibilita' di risparmio si e' collocata su livelli storicamente bassi, intorno al 30% dalla meta' dello scorso decennio (era sul 50% all'inizio degli anni novanta).

Sulla base di una simulazione condotta per il sottocampione dei giovani con elevata istruzione, il divario tra coloro che ritengono, rispettivamente, opportuno e possibile risparmiare e' aumentato soprattutto fra quelli che vivono soli, in affitto e che sono titolari di un contratto di lavoro a tempo determinato'', si legge ancora. E infine, ''a conferma del disagio espresso dai nuclei familiari, nel 2010 e' aumentata al 65% (era al di sotto del 40% nel 1990) la quota di quelli che valutano il proprio reddito inferiore a quanto ritenuto necessario.

L'incremento e' piu' diffuso per i nuclei che vivono in affitto, in cui il capo-famiglia e' operaio oppure disoccupato, pensionato, impiegato a tempo parziale'', conclude lo studio della Banca d'Italia.

com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina