mercoledì 22 febbraio | 09:53
pubblicato il 02/dic/2013 20:46

Bankitalia: Mef, su rivalutazione quote nessuna violazione costituzione

(ASCA) - Roma, 2 dic - '' Non c'e' alcuna violazione della Costituzione nelle norme sulla rivalutazione delle quote del capitale della Banca d'Italia per le quali il Governo ha utilizzato lo strumento del decreto-legge. Le critiche sollevate sono assolutamente immotivate'', cosi' la nota del Ministero dell'economia e delle finanze (Mef).

''In particolare, la revisione dell'assetto organizzativo della Banca d'Italia si rende necessaria in via d'urgenza anche per adeguarlo al nuovo Sistema Unico Europeo di Vigilanza Finanziaria, in cui le funzioni di vigilanza verranno esercitate dalla Bce in cooperazione con le Autorita' nazionali con l'obiettivo di assicurarne l'omogenea applicazione della supervisione bancaria nei Paesi dell'area dell'euro e negli altri Stati membri aderenti.

Nel merito, la questione della rivalutazione del capitale della Banca d'Italia e' stata previamente approfondita a livello tecnico da una Commissione di esperti nominata dall'Istituto di via Nazionale; sul testo normativo proposto e' stato quindi richiesto il previsto parere della Banca Centrale Europea, in corso di acquisizione. Va chiarito che e' fuori luogo parlare di ''privatizzazione' della Banca d'Italia: infatti nulla cambia nella tipologia dei soggetti azionisti, che sono e restano le banche e altri soggetti finanziari determinati. Il decreto-legge, piuttosto, mira, per un verso, ad aggiornare il valore delle quote dei partecipanti al capitale, rimasto immutato da lungo tempo; per altro verso, mira a far si' che ciascun partecipante non possa detenere piu' del cinque per cento del capitale, prevedendo all'uopo un meccanismo di cessione delle quote di valore eccedente, al fine di realizzare una piu' equilibrata distribuzione delle quote.

Le nuove norme sono in linea con l'indipendenza richiesta dai Trattati europei alla Banca d'Italia, che non impongono specifiche soluzioni organizzative, ma riconoscono liberta' agli ordinamenti nazionali, purche' sia garantita l'autonomia e l'indipendenza della banca centrale. L'assetto della Banca d'Italia, fondato sulla partecipazione di soggetti privati, ha garantito nel tempo questi elementi, e' stato considerato conforme ai principi europei al momento dell'ingresso dell'Italia nella moneta unica e va preservato.

In conformita' ai Trattati europei ed ai principi di liberta' in essi contenuti poi, non si puo' escludere che i soggetti autorizzati a partecipare al capitale della Banca d'Italia possano avere anche sede legale e amministrazione centrale in uno Stato dell'Unione diverso dall'Italia'', conclude la nota.

com/red

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%