martedì 28 febbraio | 07:10
pubblicato il 01/apr/2012 18:13

Bankitalia/ Italiani ricchi per patrimonio ed eredità

Sorpresa: i pensionati sono diventati più benestanti.

Bankitalia/ Italiani ricchi per patrimonio ed eredità

Roma, 1 apr. (askanews) - Italiani ricchi per patrimonio ed eredità: una ricchezza sempre più concentrata nelle mani degli anziani, mentre i giovani sono schiacciati in una situazione sempre più precaria e passiva, dove la ricchezza é vissuta come beneficio della famiglia d'origine e non come frutto del merito individuale. E' il quadro che emerge dallo studio della Banca d'Italia che, in un Occasionale paper di Giovanni D'Alessio del febbraio scorso, che ha analizzato la distribuzione della ricchezza e la diseguaglianza in Italia sottolineando che i dieci italiani più ricchi hanno un patrimonio equivalente a quello dei tre milioni di italiani più poveri. "Tra il 1987 e il 2008 - si legge nello studio di Bankitalia -le famiglie di operai registrano una caduta nei loro livelli di ricchezza media, che passa dal 60 al 45 per cento del livello medio generale. Un calo caratterizza anche l'andamento della ricchezza delle famiglie di liberi professionisti, che tuttavia rimangono su livelli medi molto elevati (l'indice passa circa da 250 a 200); analogamente le famiglie di imprenditori e di altri lavoratori autonomi perdono qualcosa in termini relativi, ma rimangono sempre su livelli elevati (indice da 183 a 153). Significativo l'aumento di benessere per i pensionati."La categoria che, per contro, registra uno notevole miglioramento nei livelli medi di ricchezza - conclude lo studio - è quella dei pensionati, che passa da un indice di 61,6 a 97,8, raggiungendo quasi la media dell'intera popolazione. La distribuzione della ricchezza tra le classi di età ha subito una profonda trasformazione; mentre nel 1987 le famiglie di giovani erano su livelli medi non lontani dal totale della popolazione, a partire dal 2000 queste famiglie vedono peggiorare decisamente la loro condizione; il contrario accade per gli anziani, che nel periodo considerato vedono migliorare nettamente la loro posizione relativa". Sorprendente l'osservazione finale che segnala come ormai la ricchezza e la sua squilibrata distribuzione non siano più percepite come la risultanza di meriti individuali: "Le evidenze disponibili - conclude lo studio - segnalano che il ruolo giocato dalle proprie scelte nel determinare il proprio livello di ricchezza non è poi così elevato, fornendo una conferma alle opinioni espresse dai cittadini italiani nelle indagini qualitative sopra richiamate e giustificando una certa propensione alla redistribuzione".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech