giovedì 23 febbraio | 12:48
pubblicato il 29/apr/2013 15:03

Bankitalia: imprese in crisi liquidita'. Sbloccare subito pagamenti PA

(ASCA) - Roma, 29 apr - ''Le condizioni finanziarie e di liquidita' delle imprese sono peggiorate'' e parallelamente ''le difficolta' di rimborso dei prestiti bancari sono aumentate'' per questo e' necessario dare ''rapida attuazione'' allo sblocco dei pagamenti della Pubblica Amministrazione e, per il futuro, sara' ''cruciale'' garantire la riduzione dei tempi di pagamento. E' quanto segnala l'ultima edizione del Rapporto sulla Stabilita' Finanziaria della Banca d'Italia spiegando che nel 2012 hanno cessato l'attivita' circa 53.000 societa' di capitali, ''un numero superiore di oltre 4.000 unita' rispetto a quello registrato nel 2011 e ben piu' elevato rispetto al periodo precedente la crisi''.

Nell'ultimo trimestre del 2012, si legge nello studio, la percentuale di societa' con ritardi nei pagamenti commerciali di oltre due mesi rispetto alle scadenze concordate e' salita al 7,1 per cento, dal 6,0 dello stesso periodo dell'anno precedente con un incremento maggiore nel settore delle costruzioni e nei comparti manifatturieri collegati all'attivita' edilizia. ''Ad acuire le difficolta' delle imprese - rileva Bankitalia - contribuisce l'ingente volume di pagamenti pendenti da parte delle Amministrazioni pubbliche, stimato in circa 90 miliardi alla fine del 2011''. Secondo il Rapporto in prospettiva ''benefici per la situazione di liquidita' delle imprese deriveranno dal nuovo plafond di 10 miliardi che la Cassa depositi e prestiti ha messo a disposizione delle banche per il finanziamento delle piccole e medie imprese e dallo sblocco di una parte rilevante dei debiti commerciali contratti dalle Amministrazioni pubbliche con i propri fornitori''.

Per Bankitalia per ridurre i vincoli finanziari delle imprese sara' essenziale una ''rapida attuazione'' del recente provvedimento varato dal Governo che prevede pagamenti per 20 miliardi nell'anno in corso e per ulteriori 20 nel 2014 mentre ''in prospettiva sara' cruciale garantire la riduzione dei tempi di pagamento delle Amministrazioni pubbliche nei limiti di 30-60 giorni fissati dalla direttiva europea entrata in vigore lo scorso gennaio''.

fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Uilt: pronti a nuovi scioperi, domani confermato
Alitalia
Alitalia, domani sciopero di 4 ore. Sindacati pronti a nuovi stop
Grecia
Grecia, Regling: non ci sarà bisogno di nuovo salvataggio in 2018
Conti pubblici
Moscovici: adesso Italia non adempiente, spero agisca in tempo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Nestlé eliminerà 18.000 tonn. di zucchero da prodotti entro 2020
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Scoperta una nuova specie di mammifero: lo scoiattolo meridionale
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
A Tallinn in Estonia un robot fattorino fa consegne a domicilio
TechnoFun
Internet of Things: dopo la "nuvola" si studia la "nebbia"
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech