giovedì 08 dicembre | 19:51
pubblicato il 29/apr/2013 15:03

Bankitalia: imprese in crisi liquidita'. Sbloccare subito pagamenti PA

(ASCA) - Roma, 29 apr - ''Le condizioni finanziarie e di liquidita' delle imprese sono peggiorate'' e parallelamente ''le difficolta' di rimborso dei prestiti bancari sono aumentate'' per questo e' necessario dare ''rapida attuazione'' allo sblocco dei pagamenti della Pubblica Amministrazione e, per il futuro, sara' ''cruciale'' garantire la riduzione dei tempi di pagamento. E' quanto segnala l'ultima edizione del Rapporto sulla Stabilita' Finanziaria della Banca d'Italia spiegando che nel 2012 hanno cessato l'attivita' circa 53.000 societa' di capitali, ''un numero superiore di oltre 4.000 unita' rispetto a quello registrato nel 2011 e ben piu' elevato rispetto al periodo precedente la crisi''.

Nell'ultimo trimestre del 2012, si legge nello studio, la percentuale di societa' con ritardi nei pagamenti commerciali di oltre due mesi rispetto alle scadenze concordate e' salita al 7,1 per cento, dal 6,0 dello stesso periodo dell'anno precedente con un incremento maggiore nel settore delle costruzioni e nei comparti manifatturieri collegati all'attivita' edilizia. ''Ad acuire le difficolta' delle imprese - rileva Bankitalia - contribuisce l'ingente volume di pagamenti pendenti da parte delle Amministrazioni pubbliche, stimato in circa 90 miliardi alla fine del 2011''. Secondo il Rapporto in prospettiva ''benefici per la situazione di liquidita' delle imprese deriveranno dal nuovo plafond di 10 miliardi che la Cassa depositi e prestiti ha messo a disposizione delle banche per il finanziamento delle piccole e medie imprese e dallo sblocco di una parte rilevante dei debiti commerciali contratti dalle Amministrazioni pubbliche con i propri fornitori''.

Per Bankitalia per ridurre i vincoli finanziari delle imprese sara' essenziale una ''rapida attuazione'' del recente provvedimento varato dal Governo che prevede pagamenti per 20 miliardi nell'anno in corso e per ulteriori 20 nel 2014 mentre ''in prospettiva sara' cruciale garantire la riduzione dei tempi di pagamento delle Amministrazioni pubbliche nei limiti di 30-60 giorni fissati dalla direttiva europea entrata in vigore lo scorso gennaio''.

fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Ocse
Ocse, superindice in lieve aumento a ottobre ma in Italia -0,04%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni