sabato 03 dicembre | 05:50
pubblicato il 26/feb/2013 12:55

Bankitalia: il mutuo copre solo il 57,8% dell'immobile

Bankitalia: il mutuo copre solo il 57,8% dell'immobile

(ASCA) - Roma, 26 feb - Il mutuo copre solo il 57,8% dell'immobile. Gli agenti immobiliari - secondo una indagine realizzata dalla Banca d'Italia - segnalano che la quota di acquirenti che sceglie di contrarre un mutuo per l'acquisto dell'abitazione si e' ridotta ulteriormente sia su base congiunturale (di circa 3 punti e mezzo, a 56,2 da 59,6 per cento) sia su base annuale (di 7 punti e mezzo). Diminuisce per il secondo trimestre consecutivo il rapporto tra l'ammontare del prestito sottoscritto e il valore dell'immobile (a 57,8 per cento da 60,6 nella segnalazione di ottobre), raggiungendo il valore minimo riscontrato dall'avvio dell'indagine nel primo trimestre del 2009.

Le aspettative a breve termine si confermano orientate al pessimismo. Si e' acuito il saldo negativo tra le attese circa le condizioni del mercato di riferimento (-42,8 da -41,6 del precedente sondaggio), riflettendo l'aumento delle risposte negative e di quelle di stazionarieta'. L'aumento dei nuovi incarichi si accompagna alle attese di un nuovo calo dei prezzi da parte del 72,2 per cento delle agenzie, mentre la quota di coloro che prefigurano un aumento si mantiene trascurabile.

Le indicazioni di un ribasso dei prezzi nel breve termine sono piu' diffuse nel Sud e nelle Isole e, in generale, nelle aree urbane.

Torna a peggiorare il saldo percentuale sulle attese circa gli andamenti del mercato nazionale, raggiungendo i -57,4 punti percentuali dopo il parziale recupero del periodo luglio-settembre. Il deterioramento del saldo e' interamente attribuibile all'aumento della quota di agenti che esprimono valutazioni sfavorevoli, mentre rimane stabile, su livelli molto bassi, quella di chi riporta indicazioni favorevoli. Il pessimismo sulle tendenze a breve del mercato nazionale e' piu' accentuato nel Nord Est. Sull'orizzonte di medio periodo (due anni) le attese tornano a segnalare un modesto ottimismo, per la prima volta dal terzo trimestre del 2010: per il complesso del Paese aumenta sensibilmente la quota di operatori che si attende condizioni piu' favorevoli (a 37,8 da 27,5 nella segnalazione precedente), contro una diminuzione della percentuale di quelli che riportano giudizi negativi (a 31,0 da 38,9). Il saldo torna quindi positivo per la prima volta dall'estate del 2010. L'ottimismo appare piu' diffuso al Sud e nelle Isole, mentre nel Nord Est il saldo rimane negativo.

Fra gli agenti operanti nel settore, piu' della meta' ha indicato un calo congiunturale dei canoni di affitto nell'ultimo trimestre del 2012 (58,1 per cento), contro una percentuale di appena sopra il 2 per cento che ne ha riportato un aumento.

Per il 78,8% prevalgono nel breve periodo indicazioni di stabilita' dei canoni.

ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari