domenica 04 dicembre | 17:42
pubblicato il 08/lug/2013 12:21

Bankitalia: Confidi vanno strutturati e patrimonializzati meglio

Bankitalia: Confidi vanno strutturati e patrimonializzati meglio

(ASCA) - Roma, 8 lug - I Confidi vanno strutturati e patrimonializzati meglio. ''Il comparto dei Confidi manifesta difficolta', aggravate dalla crisi, che richiederebbero una riflessione piu' ampia, estesa anche alla funzionalita' del complessivo assetto del mercato della garanzia (la filiera della garanzia) alle piccole e medie imprese.

Non sono mancate iniziative finalizzate a sostenere le pmi, quali il potenziamento del Fondo centrale di garanzia a livello statale e il sostegno da parte delle Regioni e delle Camere di commercio dell'attivita' dei confidi. Stenta, tuttavia, ad affermarsi una visione d'insieme in grado di armonizzare competenze e attori coinvolti''. Lo ha detto Carmelo Barbagallo, direttore centrale per la Vigilanza di Banca d'Italia, intervenendo al convegno dello Svimez sui Consorzi che fanno da intermediari tra banche e pmi per i finanziamenti. ''L'assetto dei confidi, cosi' come si e' venuto nel tempo a sedimentare, ha aggiunto, richiede una configurazione diversa da quella attuale, piu' snella, maggiormente efficiente nell'utilizzo delle risorse pubbliche, meglio strutturata, adeguatamente patrimonializzata''.

ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari