venerdì 24 febbraio | 20:41
pubblicato il 17/gen/2014 15:00

Bankitalia: conferma previsione Pil 2014 +0,7%, nel 2015 +1,0%

Bankitalia: conferma previsione Pil 2014 +0,7%, nel 2015 +1,0%

(ASCA) - Roma, 17 gen 2014 - Lieve ripresa per l'economia italiana: nell'ultima parte del 2013, ''il Pil, sostenuto dalle esportazioni e dalla variazione delle scorte, ha interrotto la propria caduta nel terzo trimestre del 2013. Sulla base dei sondaggi e dell'andamento della produzione industriale, la crescita del prodotto sarebbe stata appena positiva nel quarto trimestre''. E' quanto scrive Bankitalia nel Bollettino economico di gennaio. ''Alla perdurante debolezza della domanda interna, che risente della fragilita' del mercato del lavoro e dell'andamento fiacco del reddito disponibile, si contrappone un quadro dell'attivita' industriale piu' positivo. Secondo le nostre stime, la produzione industriale sarebbe aumentata nel quarto trimestre'', prosegue il Bollettino. Palazzo Koch conferma le proiezioni sull'economia italiana per il prossimo biennio, ''quest'anno si registrerebbe una moderata ripresa dell'attivita' economica, che accelererebbe, sia pur in misura contenuta, l'anno prossimo: dopo essersi ridotto dell'1,8 per cento nel 2013, il Pil crescerebbe dello 0,7 quest'anno e dell'1,0 per cento nel 2015''. ''I rischi per la crescita, restano orientati verso il basso. Se le condizioni di accesso al credito - scrive la Banca d'Italia - rimanessero restrittive piu' a lungo di quanto prefigurato o se i pagamenti dei debiti commerciali delle Amministrazioni pubbliche registrassero differimenti, la ripresa degli investimenti sarebbe ritardata. Il riaccendersi di timori sulla determinazione delle autorita' nazionali nel perseguire il consolidamento delle finanze pubbliche e nell'attuare le riforme strutturali, o di quelle europee nel proseguire nella riforma della governance dell'Unione, potrebbe riflettersi sfavorevolmente sui tassi di interesse a lungo termine''. Inoltre, ''nonostante i primi segnali di stabilizzazione dell'occupazione e di aumento delle ore lavorate, le condizioni del mercato del lavoro restano difficili. Il tasso di disoccupazione, che normalmente segue con ritardo l'andamento del ciclo economico, ha raggiunto il 12,3 per cento nel terzo trimestre e sarebbe ulteriormente salito al 12,6 nel bimestre ottobre-novembre''. int

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Unicredit
Unicredit: sottoscritto il 99,8% dell'aumento da 13 miliardi
Alitalia
Alitalia, Ball: accordo con sindacati condizione imprescindibile
Banche
Rbs, in nove anni 60 mld di perdite e 45 mld di aiuti di Stato
Mediaset
Mediaset a Vivendi: esposto alla Procura fondato e documentato
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech