martedì 21 febbraio | 18:25
pubblicato il 12/nov/2013 15:08

Bankitalia: Calabria, peggiora occupazione. Banche in 'sofferenza'

Bankitalia: Calabria, peggiora occupazione. Banche in 'sofferenza'

(ASCA) - Roma, 12 nov- Peggiorano le condizioni del mercato del lavoro nei primi sei mesi dell'anno, mentre permane la crisi del settore costruzioni, si restringe il credito e le banche segnalano un aumento delle sofferenze. E' questo in sintesi l'Aggiornamento Congiuntuarale della Calabria, diffuso dalla Banca d'Italia che come di consueto pubblica l'analisi delle tendenze economiche di ogni regione. Nella prima parte del 2013 l'attivita' economica in Calabria ha continuato a risentire della nuova fase congiunturale sfavorevole iniziata nel 2011. Alcuni segnali di stabilizzazione - si legge - si sono registrati solo a partire dai mesi estivi; tuttavia, permane un elevato grado di incertezza sulle prospettive di recupero dell'economia nei prossimi mesi. Secondo il sondaggio della Banca d'Italia, le imprese dell'industria e dei servizi, che pure avrebbero subito un ulteriore calo del fatturato rispetto al 2012, segnalano un'attenuazione della fase recessiva a partire dal terzo trimestre. Giudizi negativi continuano invece a prevalere nel settore delle costruzioni. Le condizioni del mercato del lavoro regionale sono ulteriormente peggiorate. Il numero degli occupati in Calabria si e' sensibilmente ridotto nel primo semestre del 2013, accentuando la tendenza negativa nuovamente in atto dallo scorso anno. Nel complesso, l'occupazione ha risentito della fase congiunturale negativa piu' che nel Mezzogiorno e in Italia. La difficile congiuntura economica si e' riflessa - conclude lo studio Bankitalia - sul mercato del credito. Nel primo semestre del 2013, i finanziamenti destinati alle famiglie consumatrici si sono ridotti, in particolare nella componente dei prestiti per l'acquisto di abitazioni, in connessione con il calo delle compravendite nel mercato immobiliare. La contrazione dei prestiti alle imprese si e' accentuata, risentendo sia della debole domanda per il finanziamento degli investimenti sia del permanere di politiche di offerta di credito ancora selettive. Il rischio di credito si conferma elevato, soprattutto per i prestiti alle imprese. La raccolta bancaria ha continuato ad aumentare, sospinta dalla crescita dei depositi.ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia