venerdì 09 dicembre | 16:45
pubblicato il 12/giu/2013 13:24

Bankitalia: Basilicata, piu' sofferenze. Tassi di interesse piu' alti

Bankitalia: Basilicata, piu' sofferenze. Tassi di interesse piu' alti

(ASCA) - Roma, 12 giu - Calo dei prestiti bancari e peggioramento della qualita' del credito, mentre aumentano i tassi di interesse anche in relazione alla maggiore rischiosita' del credito, e all'aumento delle sofferenze bancarie. E' questo il quadro tracciato dalla Banca d'Italia, per la Basilicata, nel consueto Aggiornamento all'Economia della Basilicata. La Banca d'Italia pubblica infatti ogni anno il Rapporto sull'economia delle singole regioni in base agli andamenti delle grandezze macroeconomiche territoriali.

''I prestiti bancari della Bansilicata hanno progressivamente rallentato nel corso del 2012, registrando una lieve contrazione lo scorso dicembre (-0,7 per cento sui dodici mesi)'', si legge nel documento. La flessione e' stata piu' marcata per le famiglie consumatrici, a fronte di una sostanziale stagnazione dei prestiti alle imprese. Tale andamento riflette sia una domanda di credito ancora debole da parte di famiglie e imprese sia le perduranti tensioni sulle condizioni di offerta, connesse in parte con il deterioramento della qualita' del credito.

Nel 2012 il credito concesso alle famiglie consumatrici da banche e societa' finanziarie e' diminuito, per la prima volta negli anni recenti. Sono calati sia i mutui per l'acquisto di abitazioni (-1,4 per cento), in connessione con la riduzione delle compravendite immobiliari, sia il credito al consumo (-0,9 per cento), che ha riflesso la perdurante debolezza degli acquisti di beni durevoli. Per quanto concerne le imprese, la contrazione dei prestiti e' stata ampia per le imprese manifatturiere e per quelle delle costruzioni. E' stata piu' lieve per i finanziamenti concessi alle imprese dei servizi. Il flusso di nuove sofferenze rettificate, riferito al complesso dei residenti in regione, e' aumentato rispetto al 2011. . Anche la qualita' del credito concesso alle famiglie ha continuato a deteriorarsi, sebbene a ritmi contenuti. Per effetto della maggiore rischiosita', il costo del credito alle imprese e' aumentato, in particolare per quelle di maggiori dimensioni, sia per i finanziamenti a breve termine sia, soprattutto, per quelli a scadenza piu' protratta.

ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Borsa
La Borsa di Milano brinda alla proroga del Qe Bce, Ftse-Mib +1,64%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Galà di solidarietà per Amatrice a Villa Glori
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina