mercoledì 22 febbraio | 07:32
pubblicato il 25/mag/2016 09:01

Banco Popolare e Bpm approvano fusione. Nasce Banco Bpm

Previsto aumento di capitale da 1 mld per Banco Popolare

Banco Popolare e Bpm approvano fusione. Nasce Banco Bpm

Roma, 25 mag. (askanews) - Il Consiglio di amministrazione di Banco Popolare e il Consiglio di gestione della Banca Popolare di Milano hanno approvato il progetto di fusione.

Lo hanno annunciato i due Istituti nella tarda serata di ieri precisando che nell'ambito dell'operazione è previsto un aumento di capitale di Banco Popolare da 1 miliardo di euro. Agli azionisti del Banco Popolare sarà assegnato in concambio il 54,626% del capitale sociale della Nuova Capogruppo mentre agli azionisti di BPM sarà assegnato in concambio il 45,374%.

La denominazione della nuova società sarà Banco BPM, avrà sede legale a Milano e sede amministrativa sarà a Verona, e adotterà una governance tradizionale basata su un Consiglio di Amministrazione e un Collegio Sindacale.

Il primo Cda sarà composto da 19 membri. Presidente sarà Carlo Fratta Pasini, amministratore delegato Giuseppe Castagna. Vicepresidente vicario sarà Mauro Paoloni mentre vicepresidenti saranno Guido Castellotti e Maurizio Comoli.

Gli altri membri del Cda saranno: Mario Anolli, Massimo Catizone, Rita Laura D'Ecclesia, Carlo Frascarolo, Paola Galbiati, Cristina Galeotti, Marisa Golo, Piero Lonardi, Giulio Pedrollo, Fabio Ravanelli, Pier Francesco Saviotti, Manuela Soffientini, Costanza Torricelli e Cristina Zucchetti.

Sarà costituito un Comitato Esecutivo composto da 6 amministratori, tra cui l'Amministratore Delegato, il Vice-Presidente Vicario e i due Vice Presidenti. Il primo Presidente del Comitato Esecutivo sarà Pier Francesco Saviotti.

Direttore Generale sarà Maurizio Faroni e Condirettori Generali saranno Domenico De Angelis e Salvatore Poloni.

"La Nuova Capogruppo - sottolineano i due Istituti - coerentemente con la natura e l'origine del Banco Popolare e della BPM, continuerà ad accordare speciale attenzione ai territori ove è presente tramite la rete distributiva propria e del Gruppo. In tale ottica, è previsto che il Consiglio di Amministrazione della Nuova Capogruppo, previa deliberazione dell'Assemblea, potrà destinare una quota dell'utile netto d'esercizio risultante dal bilancio approvato non superiore al 2,5% dell'utile stesso a finalità di assistenza, beneficenza e pubblico interesse, da impiegare per sostenere iniziative connesse agli specifici territori di riferimento".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Conti pubblici
Padoan: domani procedura Ue più vicina? Direi proprio di no
Taxi
Taxi, Delrio: si lavora insieme se non ci sono violenza e minacce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Percorso rapido per emergenze al Fatebenefratelli Roma
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Peroni Senza Glutine sul podio del World Gluten Free Beer Award
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia