sabato 21 gennaio | 17:10
pubblicato il 10/mag/2016 11:06

Banche,Bankitalia:frena crescita sofferenze a marzo: +3,9% su anno

Accelerano prestiti a famiglie (+1,1%) calano ad aziende (-0,3%)

Banche,Bankitalia:frena crescita sofferenze a marzo: +3,9% su anno

Roma, 10 mag. (askanews) - Rallenta la crescita dei crediti in sofferenza delle banche italiane mentre i prestiti erogati alle famiglie accelerano e quelli alle aziende non finanziarie segnano una battuta d'arresto. Secondo i dati della banca d'Italia a marzo i crediti in sofferenza delle banche italiane sono cresciuti a quota 196.963 milioni di euro, sostanzialmente stabili (+0,4%) rispetto ai 191.101 milioni del mese precedente e in crescita del 3,9% rispetto ai 189.552 milioni del marzo 2015. Tale dato segna un rallentamento rispetto al +4,7% registrato su base annua a febbraio. Quando si corregge tale tasso di crescita per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari, analogamente a quanto si fa per i prestiti, il tasso di crescita sui dodici mesi delle sofferenze risulta pari al 13,6 per cento (13,5 per cento a febbraio).

I prestiti delle banche tricolori al settore privato, corretti per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari, hanno registrato una crescita su base annua dello 0,3 per cento (0,6 per cento a febbraio). I prestiti alle famiglie sono cresciuti dell'1,1 per cento sui dodici mesi (1,0 per cento nel mese precedente); quelli alle società non finanziarie sono diminuiti, sempre su base annua, dello 0,3 per cento (erano cresciuti dello 0,3 per cento a febbraio).

Sempre a marzo il tasso di crescita sui dodici mesi dei depositi del settore privato è stato pari al 3,9 per cento (3,3 per cento a febbraio). La raccolta obbligazionaria, incluse le obbligazioni detenute dal sistema bancario, è diminuita del 15,2 per cento su base annua (-15,3 per cento nel mese precedente).

I tassi d'interesse sui finanziamenti erogati nel mese alle famiglie per l'acquisto di abitazioni, comprensivi delle spese accessorie, sono stati pari al 2,68 per cento (2,76 nel mese precedente); quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo all'8,37 per cento (8,52 nel mese precedente). I tassi d'interesse sui nuovi prestiti alle società non finanziarie di importo fino a 1 milione di euro sono risultati pari al 2,57 per cento (2,73 per cento nel mese precedente); quelli sui nuovi prestiti di importo superiore a tale soglia all'1,39 per cento (1,34 per cento a febbraio). I tassi passivi sul complesso dei depositi in essere sono stati pari allo 0,49 per cento.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Carrefour
Carrefour annuncia 500 esuberi e i sindacati preparano scioperi
Alimenti
Obbligo di indicazione di origine sui latticini: ecco il vademecum
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4