domenica 04 dicembre | 11:22
pubblicato il 30/mag/2014 10:42

Banche: Visco, patrimonio di prima qualita' salito' al 10,5% nel 2013

(ASCA) - Roma, 31 mag 2014 - I''l patrimonio di migliore qualita''' delle banche italiane '' e' salito dal 7,1% delle attivita' ponderate per il rischio nel 2008 al 10,5% nel 2013; vi hanno contribuito, per quasi 60 miliardi, i cospicui aumenti di capitale e l'autofinanziamento'', cosi' il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, nelle ''Considerazioni finali'' in occasione dell'assemblea annuale di Palazzo Koch.

Il Governatore ha ricordato come questo processo di rafforzamento patrimoniale ancora in corso, 11 miliardi di aumenti di capitali fatti o annunciatio nei primi cinque mesi dell'anno, sia stato realizzato ''pressoche' per intero con capitali privati''.

''Il sostegno dello Stato italiano e' stato di entita' molto contenuta; ha raggiunto 4,8 miliardi nel primo trimestre del 2013 (lo 0,3 per cento del PIL), valore di gran lunga inferiore a quelli osservati nella maggior parte degli altri paesi europei; verra' azzerato con la restituzione del prestito concesso dallo Stato al Monte dei Paschi di Siena, gia' autorizzata per 3 miliardi dalla Banca d'Italia. Nel complesso, il supporto pubblico alle banche ha generato cospicui guadagni netti per lo Stato'', ha sottolieato Visco.

men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari