sabato 03 dicembre | 16:44
pubblicato il 22/apr/2014 15:02

Banche: Uilca, manager guadagnano 62 volte in piu' dipendenti

Banche: Uilca, manager guadagnano 62 volte in piu' dipendenti

(ASCA) - ROMA, 22 apr 2014 - Per le banche conti in rosso, ma stipendi dei top manager ''sempreverdi''.

Nell'era della crisi, i superstipendi dei banchieri continuano a stridere con l'amara realta' dell'occupazione che in banca conta di ridurre almeno 1500 sportelli. Cosi' la Uilca, il sindacato dei bancari aderenti alla Uil, ha effettuato una indagine da cui rileva che gli stipendi dei top manager sono saliti ancora e nonostante la crisi, nel 2013.

L'indagine dell'Ufficio Studi Uilca conferma questo paradosso anche durante il perpetrarsi della crisi. In barba - si legge in un documento - ai proclami e ai gesti simbolici, i top manager bancari guadagnano di piu' rispetto al 2012, anche se alla guida di istituti bancari dai bilanci oscillanti.

Nel sistema bancario italiano la retribuzione media dei Chief Executive Officer e' 62 volte superiore a quella dei lavoratori del settore, mentre era di 53 nel 2012 e di 42 nell'anno 2000.

La ricerca Uilca che ha preso in esame i compensi 2013 dei presidenti dei consigli d'amministrazione e dei consigli di sorveglianza, degli amministratori delegati e dei CEO degli undici principali gruppi bancari italiani (Intesa Sanpaolo, Unicredit, Banca Monte dei Paschi di Siena, Banco Popolare, Ubi, Banca Popolare di Milano, Banca Popolare dell'Emilia Romagna, Banca Popolare di Sondrio, Banco di Desio e della Brianza, Banca Carige, Credito Emiliano), evidenzia la sostanziale discrasia tra risultati economici e retribuzione. Infatti con un utile netto totale di - 21.870 milioni di euro, la retribuzione complessiva dei CEO degli istituti bancari oggetto della ricerca, mostra un incremento rispetto al 2012 del 16,80% (dovuto in parte ai 3,6 milioni di euro di penale pagati all'allora CEO di Intesa Sanpaolo, Enrico Cucchiani, per recesso anticipato del contratto) raggiungendo quota totale di 19.195 milioni di euro. Tale retribuzione e' sostanzialmente costituita da quota fissa: delle undici banche del campione sono solo due i CEO che hanno percepito uno stipendio inferiore agli 800.000 euro nel 2013.

I presidenti degli Istituti di credito oggetto della ricerca percepiscono per il 2013 una retribuzione pari a 23 volte lo stipendio di un dipendente, tale rapporto era di 25 nel 2012 e di 15 nell'anno 2000. La retribuzione complessiva dei presidenti della ricerca e' in contrazione dell'8,35%, mentre solo tre presidenti su undici percepiscono meno di 270.000 euro.

com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Ilva
Ilva, accordo con la famiglia Riva: disponibili oltre 1,3 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari