domenica 04 dicembre | 11:31
pubblicato il 28/apr/2014 09:50

Banche: Ue, su crediti deteriorati rischi anche in Italia

(ASCA) - Roma, 28 apr 2014 - ''Sui crediti deteriorati netti, i maggiori rischi sono in Grecia, Slovenia, Cipro, Irlanda, Italia e Bulgaria, dove una materializzazione delle perdite potrebbe assorbire il 70% dei fondi accantonati a scopi di solvibilita''. Cosi' la Commissione Ue nel ''Rapporto europeo sulla stabilita' e l'integrazione finanziaria''. Secondo la Commissione, i crediti deteriorati netti rappresentano meno del 30% dei fondi propri delle banche nella maggioranza dei paesi. Gli aumenti di capitale hanno in qualche modo alleviato l'impatto negativo della crescita dei prestiti deteriorati, ma elevati livelli di crediti deteriorati implicano la presenza di un elemento di vulnerabilita' in un certo numero di paesi'', osserva Bruxelles.

Il Rapporto segnala comunque che la definizione di ''crediti deteriorati'' differisce nei vari paesi dell'Unione e come ci si attenda una maggiore grado di omogeneita' verso la fine del 2014.

men/sam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari