mercoledì 07 dicembre | 17:30
pubblicato il 10/dic/2015 14:06

Banche, Ue: scelta su strumento salvataggio è stata dell'Italia

Non c'erano preclusioni a uso fondo garanzia depositi

Banche, Ue: scelta su strumento salvataggio è stata dell'Italia

Roma, 10 dic. (askanews) - La Commissione europea puntualizza che le modalità con cui si è deciso di procede al riassetto delle quattro banche regionali italiane in dissesto - Banca Etruria, Banca Marche, Carife e CariChieti - sono state scelte dalle autorità della Penisola, e che l'Ue ha unicamente avuto il ruolo di "assicurare che le misure prese fossero in linea con le normative comunitarie e con le regole sugli aiuti di stato alle banche". Lo puntualizza il servizio dei portavoce della commissione europea, dopo che ieri in una audizione alla Camera il capo della vigilanza della Banca d'Italia, Carmelo Barbagallo, aveva affermato che l'intervento del Fondo Interbancario di Tutela dei depositi (Ftdi) non era stato possibile "per la preclusione manifestata dagli uffici della Commissione Europea".

Bruxelles replica affermando che la decisione di utilizzare il nuovo fondo di risoluzione delle crisi bancarie "è stata presa dalle autorità italiane. Spetta alle autorità nazionali decidere quali strumenti utilizzare nei fallimenti di banche. In questo quadro il ruolo della Commissione è di garantire che quale che sia la misura presa, questa rispetti le regole Ue e in particolare quelle sugli aiuti di Stato alle banche, nell'ambito della comunicazione sulle banche del 2013".

"La Commissione - proseguono i portavoce - non ha sollevato preclusioni di principio sull'uso delle risorse nel fondo di garanzia dei depositi per intervenire sulle quattro banche. Il punto, è che questi interventi devono avvenire senza aiuti di Stato o rispettando le regole Ue sugli aiuti di Stato".

"Analogamente, il piano dell'Italia per intervenire con il fondo di risoluzione doveva rispettare i medesimi principi, cosa che ha consentito alla commissione di approvare l'intervento. Se c'è l'aiuto pubblico, le regole richiedono in particolare che gli azionisti esistenti e i titolari di obbligazioni subordinate contribuiscano ai costi in linea con i principi di condivisione delle perdite e questo - conclude l'Ue - punta a limitare le distorsioni alla concorrenza".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: domani Cda dopo incontro Bce. Sale ipotesi intervento Stato
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Bce
Il direttorio Bce decide giovedì su proroga al piano di stimoli
Banche
Ue multa Agricole, Hsbc e JPMorgan su cartello Euribor: 485 mln
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni