domenica 26 febbraio | 23:57
pubblicato il 24/nov/2015 14:27

Banche, Ue propone sistema tutela deposti ponderato sul rischio

Chi ha più rischi dovrà versare di più, resta soglia 100mila euro

Banche, Ue propone sistema tutela deposti ponderato sul rischio

Roma, 24 nov. (askanews) - Il sistema di assicurazione dei depositi bancari nella zona euro si baserà sul sistema esistente, costituito dai meccanismi nazionali di garanzia e con lo stesso livello di protezione: fino a 100.000 euro per conto bancario. Sarà introdotto in modo graduale e sostanzialmente neutrale in termini di costi per il settore bancario, ha precisato la commissione europea presentando oggi la sua proposta di crezione di un sistema unico di garanzia, la terza gamba che manca all'unione bancaria, dopo vigilanza unica e sistema unico di risoluzione di crisi e fallimenti.

I contributi delle banche potranno essere dedotti dai loro contributi ai sistemi nazionali di garanzia dei depositi. Sarà ponderato per il rischio: le banche maggiormente a rischio verseranno contributi più elevati rispetto a quelle più sicure, e questo aspetto sarà rafforzato a mano a mano che viene introdotto l'Edis (questo l'acronimo del sistema). Le correzioni per il rischio saranno applicate fin dall'inizio e il tutto sarà accompagnato da rigorose salvaguardie. Ad esempio, assicurerà solo i gruppi che rispettano le norme Ue e vengono istituiti in base a tali norme.

Sarà accompagnato da una comunicazione contenente misure volte a ridurre i rischi, tra cui future proposte atte a garantire una diversificazione sufficiente delle esposizioni delle banche ai singoli rischi sovrani. Sarà obbligatorio per gli Stati membri della zona euro le cui banche sono attualmente coperte dal meccanismo di vigilanza unico, ma aperto agli altri Stati membri che desiderano aderire all'Unione bancaria.

"La crisi ha evidenziato le carenze esistenti nell'architettura globale della moneta unica. Da allora abbiamo istituito un'autorità di vigilanza unica e un'autorità di risoluzione unica. Ora - ha affermato Jonathan Hill, responsabile per la stabilità finanziaria - dobbiamo prendere misure finalizzate all'istituzione di un sistema unico di assicurazione dei depositi, procedendo in maniera graduale e assicurandoci che la riduzione dei rischi vada di pari passo con la loro condivisione. Questo è il risultato che intendiamo raggiungere".

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Lavoro
Lavoro, Renzi: rivoluzionerò welfare con lavoro di cittadinanza
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech