mercoledì 22 febbraio | 21:37
pubblicato il 15/nov/2013 10:09

Banche: Svezia, servono misure forti di assorbimento crisi

(ASCA) - Bruxelles, 15 nov - ''Credo ci siano delle logiche nella posizione tedesca, ma ritengo ci sia la necessita' di forti cuscinetti di assorbimento degli shock'' (o 'backstop') delle crisi bancarie. Lo afferma il ministro delle Finanze svedese, Anders Borg, al suo arrivo in Consiglio Ue per la riunione dell'Ecofin. Oggi i ministri si concentrano sul tema del meccanismo di risoluzione, su cui la Germania continua a puntare i piedi. Berlino vuole escludere la possibilita' d'intervento del fondo salva-Stati Esm, per evitare che siano gli Stati a dover provvedere alle crisi di liquidita' degli istituti di credito. Sono infatti i governi nazionali a finanziare il fondo Esm. Le proposte sul tavolo prevedono tre livelli di backstop: ricorso ai fondi di azionisti e obbligazionisti, intervento dello stato, intervento dell'Esm.

La Germania e' contraria all'idea di ricorsi pubblici, mentre la Svezia - come ribadisce Borg - e' dell'idea che servano ''forti backstop finanziari''.

bne/mau

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Alitalia
Alitalia, Uilt: pronti a nuovi scioperi, domani confermato
Toshiba
Toshiba vola in Borsa (+22%) su ipotesi vendita chip
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
Nasa: scoperti sette esopianeti simili alla Terra
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech