sabato 10 dicembre | 06:42
pubblicato il 12/nov/2013 20:03

Banche: sindacati proclamano altre 15 ore sciopero entro febbraio

(ASCA) - Roma, 12 nov - Le Segreterie Nazionali di DIRCREDITO, FABI, FIBA/CISL, FISAC/CGIL, SINFUB, UGL CREDITO e UILCA hanno proclamato un ulteriore pacchetto di 15 ore di sciopero da realizzare entro fine febbraio contro la disdetta del contratto nazionale di categoria prevedendo anche ''una grande manifestazione nazionale a Roma''.

Lo annunciano le stesse sigle dei bancari aggiungendo di aver richiesto un'audizione ai Presidenti delle Commissioni lavoro e finanza di Camera e Senato.

Le organizzazioni sindacali ribadiscono ''unitariamente, la volonta' di riaprire un tavolo negoziale sia per quanto riguarda la ricerca di un accordo sul Fondo di solidarieta', che lasci immutate tutte le tutele previste dagli accordi vigenti, sia per quanto attiene l'avvio di un vero confronto sullo stato e sulle prospettive del sistema bancario, che consenta di realizzare un intento comune per costruire un rinnovo contrattuale che tuteli realmente l'occupazione ed il reddito dei lavoratori. Tale percorso non potra', pero', prescindere dal reciproco riconoscimento di pari dignita' delle parti, per cui si conferma la necessita' che l'ABI, come premessa imprescindibile, riconsideri la manifestata volonta' di non dare continuita' all'applicazione del CCNL vigente, qualora, alla sua scadenza, esso non risultasse ancora rinnovato''.

''La mancata rimozione, da parte delle Banche, di tale intento - proseguono - pregiudicherebbe qualunque possibilita' di riprendere i negoziati. Resta pertanto confermato anche il blocco delle trattative nelle Banche e nei Gruppi, con le sole eccezioni delle procedure ex lege 223/91, dei casi di commissariamento da parte di Banca d'Italia e dei casi di procedure concorsuali. Per quanto ovvio, il blocco non si applicherebbe alle relazioni presso quelle aziende che dessero formale comunicazione ai sindacati aziendali della loro volonta' di riconoscere piena applicazione al CCNL 19/1/12, anche successivamente al 30/6/2014, nel caso di mancato rinnovo dello stesso prima della sua scadenza. E' fondamentale che in questa fase vi sia la massima coesione unitaria di tutte le organizzazioni sindacali e che tutti i lavoratori siano coinvolti per la buona riuscita delle iniziative che saranno, nei prossimi giorni, approntate e diffuse''.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Cambi
L'euro continua a calare dopo le mosse Bce, sotto 1,06 dollari
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Europei, Olimpiadi e terremoto, il 2016 su Facebook in Italia
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina