venerdì 20 gennaio | 21:13
pubblicato il 29/ott/2013 16:30

Banche: Sindacati, devono decidere se essere protagoniste ripresa

Banche: Sindacati, devono decidere se essere protagoniste ripresa

(ASCA) - Roma, 29 ott - ''Piu' credito all'economia e meno agli amici: le banche devono decidere se vogliono davvero essere protagoniste di una ripresa economica del Paese''. Lo dichiarano in una nota congiunta il segretario confederale della Cisl, Annamaria Furlan ed il segretario generale della Fiba Cisl, Giulio Romani che lanciano la sfida al settore creditizio italiano in occasione della giornata mondiale del risparmio.'' Il risparmio e' un bene da preservare- continuano Furlan e Romani- e, soprattutto in questi casi, rappresenta la risorsa su cui le banche devono puntare quale leva per lo sviluppo del tessuto imprenditoriale. E' indispensabile erogare credito alle pmi e non solo ai grandi soggetti industriali o finanziari che, troppo spesso, non mostrano di meritare la fiducia accordata loro. Le sofferenze che aumentano lo dimostrano chiaramente: soprattutto se si considera che la stragrande maggioranza di esse riguardano linee di credito decise ai livelli apicali degli istituti di credito. Dunque credito alle piccole e medie imprese: non e' un mero desiderio ma ci sono tutti i presupposti. Basti pensare all'abbondante liquidita' erogata dalla Bce ed al sostegno che il sistema creditizio ha ottenuto in termini contabili con la deducibilita' fiscale delle sofferenze che si e' ridotta da 18 a 5 anni. Queste misure sono state adottate proprio per consentire il sostegno del credito all'economia reale. E' singolare come la giornata mondiale del risparmio cada alla vigilia dello sciopero unitario proclamato da tutte le sigle sindacali contro la decisione Abi di disdettare il Contratto di settore. E' una scelta sbagliata e controproducente. Le banche non hanno compreso che la soluzione alla crisi, la soluzione alle criticita' sistemiche non e' la riduzione dei costi. Una simile risposta e' sbagliata eticamente, andando a colpire i lavoratori, ed inefficace economicamente. La strada da seguire e' invece quella della crescita; la strada dell'aumento della redditivita'. Una crescita sana e sostenibile possibile grazie al credito erogato all'economia reale con una presenza sul territorio competente e diffusa. Le banche hanno gli strumenti per perseguirla. Spettera' al sindacato far capire ai banchieri che il problema non sono i costi ma la bassa redditivita' - concludono Furlan e Romani.

com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4