domenica 04 dicembre | 23:15
pubblicato il 05/ago/2014 19:41

Banche, Ghizzoni: tutte dovranno porsi problema titoli di Stato

Portafoglio Unicredit gia' diversificato (ASCA) - Milano, 5 ago 2014 - "Tutte le banche dovranno porsi il problema dei titoli di Stato e del rating. Questo probabilmente avra' anche un impatto sui corsi dei titoli Stato stessi nei prossimi anni". Lo ha detto oggi l'Ad di UniCredit, Federico Ghizzoni, ricordando che in vista di Basilea III si tratta di un tema "importante perche' riguarda una possibile diversa valutazione nei bilanci delle banche, in cui i titoli Stato, che adesso pesano zero, potrebbero pesare". Cio' detto, nella conferenza stampa tenuta dopo il cda sui risultati del primo semestre 2014, Ghizzoni ha sottolineato che diversamente da altre grandi banche italiane, per UniCredit al momento non si pone il problema di ridurre il peso dei bond governativi italiani in portafoglio. "Sui titoli di Stato la situazione nostra e' un po' diversa. Noi non abbiano una concentrazione solo sui titoli italiani, perche' siamo gia' diversificati. Per il 50% circa sono italiani, per il 25% tedeschi e per il resto di altri Paesi in cui siamo. Siamo gia' abbastanza diversficati e negli ultimi anni il livello dei titoli di stato italiani e' rimasto stabile, tra i 45 e i 50 miliardi", ha concluso.

Bos

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari