mercoledì 18 gennaio | 07:32
pubblicato il 30/ott/2013 15:17

Banche: Fisac, dopo sciopero aprire tavolo confronto

Banche: Fisac, dopo sciopero aprire tavolo confronto

(ASCA) - Roma, 30 ott- Dopo lo sciopero generale dei bancari in programma domani giovedi' 31 ottobre contro la decisione dell'Abi di disdettare unilateralmente il contratto nazionale, il ministro dell'Economia, Fabrizio Saccomanni, ''dovra' aprire un tavolo di confronto che consenta come primo obiettivo di arrivare ad un accordo sul fondo di sostegno all'occupazione e, in questo ambito, ragionare sulle prospettive del settore e sul rispetto del contratto nazionale''. Ad affermarlo e' il segretario generale della Fisac Cgil, Agostino Megale.

Il leader della categoria di lavoratori del credito della Cgil fa sapere che oggi, in occasione della giornata del risparmio, ha consegnato al ministro Saccomanni ''una rosa, con allegata ai clienti la lettera aperta sulle ragioni dello sciopero di domani. Il senso della rosa - aggiunge - e' questo: le spine devono andare ai banchieri, i petali ai lavoratori e ai clienti e il gambo al governo perche' inviti l'Abi a ritirare la disdetta unilaterale data al contratto.

Anche perche' non puo' Il presidente dell'Abi Patuelli proporre un patto con i risparmiatori mentre rompe quello con i lavoratori disdettando il contratto''. Per questo, continua il numero uno della Fisac, ''e' molto importante quel che questa mattina ha evidenziato nel suo intervento il governatore della Banca d'Italia Visco laddove, rivolgendosi ai banchieri, ha evidenziato si' un problema anche di costo del lavoro invitandoli pero', al tempo stesso, a costruire un confronto con tutte le parti sociali. Un confronto che deve avere come modello da perseguire quello del 97/98 quando con Prodi fu costruito un patto sociale a tre per il rilancio del sistema bancario e la tutela dell'occupazione. Per questo dal ministro Saccomanni ci attendiamo, dopo lo sciopero di domani, l'apertura di un tavolo che consenta come primo obiettivo di realizzare l'accordo sul fondo di sostegno all'occupazione e in quest'ambito ragionare sulle prospettive del settore e sul rispetto del contratto nazionale'', conclude Megale.

com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa