mercoledì 18 gennaio | 23:48
pubblicato il 16/apr/2013 14:08

Banche: da Parlamento Ue via libera a nuovi requisiti Crd4

(ASCA) - Bruxelles, 16 apr - Il Parlamento europeo approva le nuove regole per le banche dell'Ue. Con 608 voti a favore, 33 contrari e 67 astenuti l'Aula approva il rapporto Karas (Ppe) sulla quarta revisione della direttiva per i nuovi requisiti di capitale per le banche (Crd4), legata al progetto di unione bancaria.

In base al testo approvato, le banche dovranno mettere da parte almeno l'8% del capitale (sotto forma di contanti, obbligazioni, azioni o prestiti), come sorta di 'cuscinetto' contro eventuali crisi di liquidita'.

Di questa riserva 'cuscinetto' ''almeno la meta''' deve essere di piu' alta qualita' e minor rischio (pari al doppio di oggi). Questo capitale deve anche essere ''ragionevolmente liquido'', vale a dire facilmente liquidabile nel caso diventi necessario pagare i correntisti e i creditori in caso di emergenza. Alle banche sara' inoltre richiesto di prevedere una riserva di conservazione del capitale (nota anche con la definizione inglese 'capital conservation buffer') per assorbire le perdite e proteggere il proprio capitale, e una riserva di capitale anticiclica per garantire che in tempi di crescita economica si possa accumulare una base di capitale sufficiente per consentire una fornitura stabile di credito in periodi di stress.

Fissata poi la soglia dei bonus per i manager. La loro remunerazione non potra' superare la soglia massima degli stipendi (in base al criterio 1:1). Tuttavia gli azionisti potranno decidere - attraverso approvazione - di aumentare il bonus del dirigente anche fino al doppio del suo stipendio.

La decisione deve essere votata da almeno i due terzi (il 66%) degli azionisti che detengono la meta' delle azioni, o dal 75% dei voti in caso di mancato quorum. Inoltre, ''per incoraggiare le banche ad adottare strategie a lungo termine'', il pagamento di almeno il 25% di ogni bonus superiore al 100% della retribuzione deve essere posticipato per almeno cinque anni.

Le nuove norme, la cui entrata in vigore e' prevista per l'1 gennaio 2014, dovranno ora essere approvate dal Consiglio europeo. ''L'insieme di regole valide per tutte le sue 8.200 banche e' il fondamento su cui l'UE deve costruire l'unione bancaria'', ha sottolineato al termine del voto Othmar Karas (Ppe), relatore del testo.

bne/sam/alf

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Davos
Padoan da Davos: in Italia stiamo continuando riforme strttturali
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina