sabato 03 dicembre | 03:26
pubblicato il 12/nov/2013 15:06

Banche: Bankitalia, sofferenze in stabilizzazione, verso calo nel 2014

(ASCA) - Roma, 12 nov - Segnali di stabilizzazione nella crescita delle sofferenze bancarie sui prestiti, lo scrive Bankitalia nel Rapporto sulla stabilita' finanziaria. Dopo due trimestri ancora in crescita, le informazioni preliminari sul terzo trimestre ''indicano tuttavia un flusso di nuove sofferenze pressoche' invariato rispetto al trimestre precedente'' scrive Bankitalia. Nel caso di un miglioramento ciclico nei prossimi trimestri, ''il flusso di nuove sifferenze calerebbe lievemente il prossimo anno''.

Nei grafici pubblicati nel Rapporto, il tasso di ingresso di nuove sofferenze rispetto allo stock di prestiti e' rimasto sostanzialmente stabile per le famiglie intorno al punto e mezzo percentuale dal 2010 e si prevede sugli stessi livelli anche nel 2014. Per quanto riguarda invece il tasso di ingresso di nuove sofferenze relative allo stock di prestiti alle imprese, la percentuale era sotto il 3% nel 2010, poi e' salita fino a poco sotto il 5% e potrebbe calare verso il 4% nel 2014.

men

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari