martedì 17 gennaio | 18:25
pubblicato il 17/apr/2014 11:40

Banche: Altroconsumo, sui prestiti personali pratiche scorrette

Banche: Altroconsumo, sui prestiti personali pratiche scorrette

(ASCA) - Roma, 17 apr 2014 - Ottenere un prestito personale oggi in Italia e' improbabile: poca trasparenza, privacy a rischio e senza polizza niente assenso. Il 100% delle banche visitate impone di aprire un conto corrente presso la propria filiale; il 63% degli sportelli tra tutti gli operatori non consegna il modulo informativo precontrattuale, il SECCI, obbligatorio per legge perche' determinante per confrontare le offerte; il 94% non consegna il contratto prima della firma; il 35% concede il prestito solo se insieme si acquista la polizza, salatissima, che essi stessi vendono, banca o finanziaria che sia: una violazione del Codice del Consumo. Pratiche scorrette e comportamenti oltre la norma che Altroconsumo ha rilevato dall'indagine condotta in 9 citta' e che segnalera' a Banca d'Italia, all'Autorita' garante della Concorrenza e del mercato, all'Ivass e al Garante della privacy. L'inganno e' smascherato, ma quanti consumatori ancora ci cascano? Come evitare le offerte opache di soldi troppo facili, che arrivano a compensare l'accesso ai prestiti difficili per i consumatori, fotografato nell'indagine? L'appuntamento e' a Ferrara per la seconda edizione del Festival Altroconsumo, il 16, 17, 18 maggio. Intanto sveliamo il trabocchetto dietro la proposta vincolata dei prestiti personali: la polizza costa in media 771 euro, ma si arriva anche a richieste per il premio di oltre i 1.800 euro a Verona, oltre 1500 a Genova. Non consegnando il SECCI al cliente di fatto gli si benda gli occhi: non lo si mette nelle condizioni migliori per fare una scelta consapevole. Se poi gli si chiede anche di fornire dati reddituali e personali lo si obbliga a dare informazioni non necessarie in fase precontrattuale, facendo firmare al cliente l'autorizzazione all'utilizzazione dei dati per accesso alle Centrali rischi private lo si mette in condizione di non poter piu' procedere con altre richieste di informazioni e offerte da confrontare. Non e' necessario in questa fase avviare una preistruttoria, perche' il cliente potrebbe scegliere altri prodotti. In questo modo e' vincolato; altro che liberta' di confronto e scelta. com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Poste
Poste tutela volontariamente clienti investitori del fondo Irs
Auto
Fca, anche a dicembre vendite in Europa meglio del mercato
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute: nuovi Lea in arrivo. In vigore dopo pubblicazione su G.U.
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
L'Enel porta energia "verde" all'ambasciata italiana di Abu Dhabi
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa