venerdì 20 gennaio | 09:51
pubblicato il 22/giu/2013 16:22

Banche: all'Ecofin slitta accordo su 'fallimento ordinato' (1Upd)

(ASCA) - Roma, 22 giu - I ministri delle Finanze dell'Unione europea non sono riusciti a trovare un accordo questa notte su un meccanismo unico di 'fallimento ordinato' delle banche.

Lo rendono noto fonti diplomatiche.

Dopo 18 ore di negoziati, i ministri hanno deciso di aggiornare la questione a mercoledi'. ''Abbiamo percorso il 90% del cammino e siamo vicini ad un accordo: ci rincontreremo mercoledi''', ha spiegato il ministro francese Pierre Moscovici, secondo cui ''mancano pochissimi punti da risolvere''.

Riuniti a Lussemburgo, i ministri hanno tentato di trovare una convergenza di vedute sulle regole comuni da adottare per liquidare le banche in difficolta' senza fare appello ai contribuenti. I ministri dell'Economia e delle Finanze dei Ventisette ci riproveranno dunque mercoledi'.

''Pensavo che quella di oggi sarebbe stata l'ultima riunione dell'Ecofin a dover presiedere'', il commento di Michael Noonan, ministro delle Finanze dell'Irlanda, paese con la presidenza di turno del Consiglio Ue fino a fine giugno. ''Se non ci sara' un accordo mercoledi', certamente sara' trovato sotto presidenza lituana'', ha aggiunto. Si tratterebbe di uno scenario non certo positivo, dato che la questione dovrebbe essere all'attenzione dei capi di Stato e di governo la prossima settimana sul tavolo del vertice del Consiglio europeo. Senza nemmeno una discussione di un programma finito, l'appuntamento del 27 e 28 giugno acquisterebbe tutt'altra valenza. Per questo il 26 giugno si tenta l'accordo 'last-minute'. A dividere, ha spiegato l'irlandese Noonan, e' la flessibilita'. ''I paesi dell'Euro hanno il fondo salva-Stati permanente Esm, e i paesi che non hanno l'Euro hanno bisogno di piu' flessibilita' perche' non hanno accesso all'Esm''. Nel progetto di unione bancaria l'Esm puo' intervenire per iniettare liquidita' nelle banche in difficolta' (tetto di 60 miliardi, come deciso dall'Eurogruppo), ma solo in quelli dell'Eurozona. ''E' una questione tra paesi Euro e paesi non Euro'', ha ribadito Noonan.

rba-bne/sam/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Inps
Inps: a dicembre autorizzate 37,8 mln ore Cig, su anno -11%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale