domenica 11 dicembre | 14:58
pubblicato il 24/apr/2013 16:10

Banche: Adusbef, sofferenze in crescita del 171% dal 2006

Banche: Adusbef, sofferenze in crescita del 171% dal 2006

(ASCA) - Roma, 24 apr - Aumentano del 171% le sofferenze bancarioe negli anni della crisi globale, con una impennata che riguarda soprattutto le famiglie consumatrici. Lo spiega uno studio di Adusbef e Federconsumatori. I Bollettini statistici di Bankitalia forniscono, tra gli altri dati, l'andamento delle sofferenze bancarie. Le due associazioni hanno analizzato il trend negli anni della crisi (2006-2012), disaggregando i dati per imputarne i livelli alle aziende (non finanziarie), alle famiglie produttrici, e alle famiglie consumatrici. In valore assoluto, l'ammontare delle sofferenze e' passato dai 47 miliardi di euro del 2006, ai quasi 125 miliardi del 2012, con un incremento di oltre il 165 per cento, che diventa oltre il 171 per cento se si considera l'ultimo dato relativo al febbraio 2013.

L'andamento non e' stato costantemente in crescita: nel 2008 si e' assistito infatti ad un decremento rispetto al 2007 (da 47,2 a 41,3 miliardi del 2008). E' noto che in molti casi l'andamento delle sofferenze e' lievitato per azioni intempestive da parte delle banche, con l'imposizione di rientro dagli affidamenti in termini temporali strettissimi, anche a posizioni il cui andamento economico e finanziario non avrebbe giustificato quel tirare i remi in barca.

Il numero delle aziende con posizioni in sofferenza a dicembre 2012 e' aumentato, rispetto al 2006, del 70 %, passando da 113.591 a 193.058 unita'. L'importo delle sofferenze e' aumentato di oltre il 177 per cento, passate da 29,458 miliardi a 81,693. A febbraio 2013 l'importo, passato per le aziende a 85,415 miliardi, genera una crescita rispetto al 2006 del +190 per cento. Per quanto riguarda le famiglie produttrici, il numero delle posizioni in sofferenza a dicembre 2012 e' aumentato, rispetto al 2006, di oltre il 67 per cento (da 98.085 a 163.898 unita' del 2012).

L'importo delle sofferenze relative e' aumentato di oltre il l'87 per cento, passate da 6,280 miliardi a 11,754 del 2012.

A febbraio 2013 l'importo, passato per le famiglie produttrici a 11,765 miliardi, genera una crescita rispetto al 2006 del +87,3 per cento.

Il numero delle posizioni in sofferenza a dicembre 2012 e', rispetto al 2006, praticamente raddoppiato, aumentato di oltre il 96 pe rcento (da 382.975 a 752.935 unita' del 2012).

L'importo delle sofferenze relative e' cresciuto di oltre 2,5 volte, aumentato del 159 percento (da 10,139 miliardi a 26,249 del 2012).

A febbraio 2013 l'importo, passato per le famiglie consumatrici a 28,804miliardi, genera una crescita rispetto al 2006 del + 184,1 per cento. I valori delle sofferenze continuano ad impennarsi anche nei primi due mesi del 2013. Il livello complessivo ha infatti raggiunto, a fine febbraio, i 127,655 miliardi di euro con un aumento del 2,1 per cento. In particolare per le famiglie consumatrici l'aumento registrato da dicembre dell'anno passato a febbraio e' pari al +9,7 per cento; mentre per le aziende l'incremento e' stato pari al 4,5 percento. Piu' moderata la crescita delle sofferenze delle famiglie produttrici, aumentate solo dello 0,1 per cento( da 11,754 miliardi di dicembre, a 11,765 miliardi di febbraio 2013). ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Petrolio
Scatta la prima stretta globale all'offerta di petrolio da 15 anni
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina