sabato 21 gennaio | 07:32
pubblicato il 18/mar/2014 15:00

Banche: Abi, nuovo record sofferenze a 160,4 mld

Banche: Abi, nuovo record sofferenze a 160,4 mld

(ASCA) - Roma, 18 mar 2014 - Le banche registrano un nuovo boom di sofferenze, (160,4 miliardi) rilevano ancora una variazione negativa sui prestiti alle famiglie e alle imprese( -2,9%), peggiore di quella del mese di gennaio, ma limano il tasso sui depositi e conti correnti che scende dallo 0,95% allo 0,93%. E' quanto si evince dal Rapporto diffuso oggi da Palazzo Altieri, in occasione del comitato esecutivo Abi che si tiene domani a Milano.

A febbraio 2014, si legge, ''il tasso medio sul totale della raccolta bancaria da clientela (somma di depositi, obbligazioni e pronti contro termine in euro a famiglie e societa' non finanziarie) in Italia si e' collocato all'1,83% (1,86% a gennaio). Il tasso praticato sui depositi (conti correnti, depositi a risparmio e certificati di deposito) e' lievemente diminuito collocandosi allo 0,93% (0,95% a gennaio 2014), cosi' come quello sulle obbligazioni al 3,38% (3,42% a gennaio 2014), mentre quello sui pronti contro termine e' rimasto stabile all'1,73%''.

A febbraio 2014, i tassi di interesse sui prestiti si sono assestati in Italia su livelli storicamente molto bassi, mentre il tasso medio sulle nuove operazioni di finanziamento alle imprese si e' posizionato al 3,42% (3,41% a gennaio 2014; 5,48% a fine 2007). Il tasso medio sul totale dei prestiti e' risultato pari al 3,89% (3,90% il mese precedente; 6,18% a fine 2007).

Per quanto riguarda le sofferenze, quelle nette sono risultate a gennaio 2014 pari a 80,5 mld, le lorde a 160,4 mld; il rapporto sofferenze nette su impieghi totali e' del 4,38% a gennaio (4,31% a dicembre 2013; 3,37% a gennaio 2013). Il rapporto sofferenze lorde su impieghi e' dell'8,4% a gennaio 2014 (6,4% un anno prima; 2,8%), valore che raggiunge il 14,2% per i piccoli operatori economici (11,9% a gennaio 2013; il 13,4% per le imprese (9,7% un anno prima: 3,6% ed il 6,5% per le famiglie consumatrici (5,7% a gennaio 2013. Il totale degli affidati in sofferenza ha raggiunto complessivamente il numero di 1.205.000, di cui oltre un milione (1.015.369) con un importo unitario in sofferenza inferiore a 125.000 euro.

ram/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Ue
Antonio Fazio: disoccupazione e povertà grandi mali d'Europa
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4