lunedì 05 dicembre | 06:08
pubblicato il 27/giu/2013 12:03

Banche: Abi, ben patrimonializzate rispetto a media Ue

(ASCA) - Roma, 27 giu - Le banche italiane sono ben patrimonializzate rispetto alla media europea. Lo ha detto il direttore dell'Abi, Giovanni Sabatini, aprendo i lavori del Forum Basilea3, l'appuntamento annuale dell'associazione dedicato alla normativa sui requisiti di capitale, allo sviluppo dello scenario regolamentare e agli effetti sull'economia reale. ''Le banche italiane - ha sottolineato Sabatini, aprendo i lavori del convegno - hanno una qualita' del capitale migliore rispetto a quelle di altri Paesi pur scontando una bassa redditivita' e un notevole aumento delle sofferenze. Se si tiene conto delle regole di Basilea 3, i maggiori gruppi italiani risultano gia' oggi piu' capitalizzati dei concorrenti europei''.

''Con grande senso di responsabilita' - ha continuato Sabatini - le banche italiane hanno scelto di mantenere inalterata la loro vocazione di banca tradizionale. Il nostro modello si e' rivelato vincente ed e' nell'interesse del Paese che non venga meno''. Il Direttore generale dell'Abi ha aggiunto che ''E' opportuno, dunque, rimuovere quegli svantaggi competitivi di natura regolamentare che incidono sulla redditivita' dell'attivita' bancaria tradizionale che rischiano di rendere insostenibile nel lungo periodo il modello di business di banca commerciale''.

com-sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari