sabato 03 dicembre | 19:21
pubblicato il 17/mar/2014 14:36

Banche: Abi, al via domani Forum su Ict a Milano

Banche: Abi, al via domani Forum su Ict a Milano

(ASCA) - Roma, 17 mar 2014 - Dematerializzazione di processi e documenti, potenziamento di mobile banking e mobile payment, piu' sicurezza e integrazione dei canali remoti.

Sono queste le priorita' nei programmi d'investimento in tecnologia delle banche italiane che - nonostante la difficile congiuntura economica - continuano a puntare sull'ICT. Considerandola una leva strategica sia per ridisegnare l'operativita' del settore, attraverso l'innovazione di prodotti, servizi e canali, sia per rendere piu' efficienti e sicuri i processi, grazie all'automatizzazione e alla digitalizzazione. A scattare la fotografia dell'impegno e delle priorita' delle banche italiane sul fronte della spesa in tecnologia e' la nona edizione del rapporto sulle tendenze del mercato ICT per il settore bancario messo a punto da Abi Lab, il Centro di Ricerca e Innovazione per la Banca dell'Abi. Lo studio, condotto su un campione rappresentativo di gruppi, sara' presentato al Forum Abi Lab che si tiene martedi' e mercoledi' a Milano. Secondo la ricerca, il settore bancario italiano ha investito complessivamente 4,2 miliardi di euro (stima per il 2013) confermando - nonostante la crisi economica ancora in corso - la spesa in tecnologia del 2012 (circa 4,3 miliardi). L'attenzione del settore bancario per l'innovazione trova conferma anche nelle previsioni di spesa formulate dalle banche per il 2014: la meta' dei gruppi, infatti, prevede addirittura di incrementare gli investimenti in tecnologia (50%), mentre quasi un terzo pensa di mantenere costante il budget ICT rispetto al 2013 (28% circa).Per quanto riguarda le priorita' ICT del settore per il 2014, Abi Lab ha stilato una classifica dei progetti considerati prioritari dai gruppi bancari italiani, sia sul fronte degli investimenti sia su quello della ricerca e sviluppo.

Stando all'indagine, al primo posto della ''top ten'' delle priorita' d'investimento troviamo la dematerializzazione (81%), che si accompagna spesso a reingegnerizzazione e automazione dei processi interni. Seguono i progetti di potenziamento di mobile banking e mobile payment (57%); la sicurezza e l'ulteriore integrazione dei canali (rispettivamente 38% e 33%), ritenuti strategici per un'efficiente assistenza online anche in ottica 2.0 e per l'identificazione dei clienti da remoto, che apre la strada all'offerta di nuovi servizi. Tra le priorita' d'investimento delle banche non mancano, infine, anche le attivita' di business continuity (24%) e di business intelligence (24%).

Sul versante della ricerca e sviluppo, la classifica redatta da Abi Lab restituisce un settore bancario italiano che, anche per il prossimo futuro, punta sulla sicurezza (57%); sull'evoluzione integrata dei canali remoti (57%) e sul potenziamento di mobile banking e mobile payment (52%). Sul fronte dei processi interni, invece, i progetti di ricerca ritenuti prioritari dalle banche italiane riguardano in particolare la dematerializzazione di processi e documenti (43%); la gestione efficiente e sicura dei flussi di dati e informazioni (43%) e le nuove prospettive aperte dal cloud computing (43%). Resta alta, anche in prospettiva, l'attenzione sulla business continuity (38%) e sull'efficientamento del back office (38%).

Il Forum Abi Lab - che quest'anno giunge alla sua decima edizione - si tiene il 18 e 19 marzo a Milano nello Spazio Eventiquattro.

Tra i temi al centro della due giorni di lavoro: gli ultimi trend ICT per le banche e le tecnologie digitali e mobile sviluppate in una prospettiva di completa integrazione multicanale, anche alla luce dell'evoluzione della domanda da parte dei clienti e del difficile contesto economico che spinge il settore a rivedere il proprio modello distributivo e di servizio per razionalizzare le proprie strutture di costo.

La prima giornata di lavori del Forum ospitera' la cerimonia di premiazione del ''Premio Abi per l'innovazione nei servizi bancari'', il riconoscimento assegnato ogni anno da una giuria di esperti alle idee e alle soluzioni piu' innovative e tecnologiche applicate dalle banche a prodotti, servizi e relazione con famiglie, imprese e Pubblica Amministrazione.

Quest'anno al Premio partecipano piu' di sessanta progetti per quattro categorie: ''La banca per il futuro'', ''La banca smart'', ''La banca solidale e sostenibile'' e ''La banca si presenta e ascolta''.

com-ram

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Energia
Elettricità, Cgia: per piccole imprese la più cara in Eurozona
Altre sezioni
Salute e Benessere
Disturbi del sonno? 10 regole ambientali per dormire meglio
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari