mercoledì 07 dicembre | 16:06
pubblicato il 08/giu/2016 10:56

Banca Mondiale taglia stime Pil globale al 2,4% per quest'anno

Rispetto a 2,9% precedente:economie avanzate corrono meno previsto

Banca Mondiale taglia stime Pil globale al 2,4% per quest'anno

Roma, 8 giu. (askanews) - Le economie avanzate stanno recuperando meno del previsto mentre i paesi emergenti sono zavorrati dal calo dei prezzi delle materie prime. Due fattori che hanno indotto la Banca Mondiale a ridurre le sue previsioni di crescita per l'economia globale che quest'anno dovrebbe crescere di appena 2,4 per cento quest'anno, lo stesso ritmo letargico del 2015 e molto più lento rispetto al 2,9 per cento è previsto nel mese di gennaio.

Nel rapporto, appena pubblicato, l'istituto di Washington rileva che le prospettive di una ripresa "restano silenziate," mentre i rischi per la crescita sono aumentati dall'inizio dell'anno, in particolare a causa dell'alto livello di indebitamento da parte delle imprese nei paesi in via di sviluppo, che li ha lasciati vulnerabili alle crisi del credito.

Gli economisti della Banca Mondiale avanzano dubbi sul fatto che l'allentamento monetario aggressivo nei paesi sviluppati, con tassi di interesse negativi in molti Paesi, stia riuscendo nello scopo di rianimare l'attività economica. "La crescita economica rimane il driver più importante della riduzione della povertà, ed è per questo che siamo molto preoccupati che la crescita sta rallentando sensibilmente nei paesi in via di sviluppo esportatori di materie prime a causa di prezzi delle materie prime depresse", ha detto il Presidente Gruppo della Banca Mondiale Jim Yong Kim. "Questa crescita lenta - ha aggiunto - segnala il motivo per cui è di fondamentale importanza per i paesi di perseguire politiche che amplifichino la crescita economica e migliorino la vita di coloro che vivono in condizioni di estrema povertà".

In particolare la Banca Mondiale ha tagliato le sue previsioni per la più grande economia del mondo, gli Stati Uniti, di 0,8 punti percentuali, all'1,9 per cento nel 2016. La zona euro raggiungerà solo l'1,6 per cento di crescita, e il Giappone, combattendo contro le pressioni deflazionistiche, crescerà appena lo 0,5 per cento.

La Cina, l'altro grande ruota della crescita, riuscirà a mantenere un ritmo del 6,7 per cento, ma la Banca vede un rallentamento al 6,3 per cento entro il 2018. Anche l'India sta tenendo un buon passo, aiutata dai prezzi a buon mercato di prodotti chiave che importa, incluso il petrolio. Ma altre grandi economie emergenti come il Brasile e la Russia rimangono bloccate in recessione, e la Nigeria e Sud Africa si stanno espandendo molto lentamente. "Le condizioni restano decisamente impegnative per gli esportatori di materie prime", ha detto la Banca.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps: domani Cda dopo incontro Bce. Sale ipotesi intervento Stato
Mps
Mps: Vigilanza Bce studia proroga fino a 31 gennaio
Banche
Banche, Dombrovskis: l'Italia è preparata se e quando servisse
Bce
Il direttorio Bce decide giovedì su proroga al piano di stimoli
Altre sezioni
Salute e Benessere
Robot indossabile ridà capacità di presa a persone quadriplegiche
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni