giovedì 08 dicembre | 15:56
pubblicato il 07/gen/2016 07:04

Banca mondiale taglia stime di crescita globale per il terzo anno

Pesano gli emergenti; si prevede Pil 2016 +2,9%

Banca mondiale taglia stime di crescita globale per il terzo anno

New York, 7 gen. (askanews) - Per il terzo anno di fila la Banca Mondiale ha tagliato le stime di crescita mondiale, colpa delle prospettive in peggioramento soprattutto per le economie emergenti per cui "quest'anno rappresenta il test maggiore dalla crisi globale finanziaria" del 2008. E' quanto emerge dal rapporto intitolato "Global Economic Prospects. Spillovers amid weak growth", in cui l'istituto di Washington prevede per il 2016 un Pil globale in aumento del 2,9%, pari allo 0,4% in meno rispetto ai calcoli dello scorso giugno, ma meglio del 2,4% preliminare del 2015.

L'economia dell'eurozona dovrebbe espandersi quest'anno dell'1,7%, lo 0,1% in meno di quanto previsto la scorsa estate ma oltre il +1,5% stimato per il 2015. Negli Stati Uniti è atteso un +2,7% e non più un +2,8% dopo il +2,5% registrato nel 2015. La sforbiciata maggiore tra le principali economie così come classificate dall'istituzione guidata da Jim Yong Kim va alla Russia, il cui Pil nel 2016 si contrarrà dello 0,7%, un peggioramento dell'1,4%.

Tra le economie emergenti invece il taglio più consistente delle stime (del 3,6%) spetta al Brasile, la cui economia è vista contrarsi del 2,5% quest'anno per poi tornare a crescere dell'1,4% nel 2017 (comunque un peggioramento dello 0,6%). Il Pil della Cina è visto salire del 6,7% e non più del 7% previsto a giugno dopo il +6,9% del 2015 e il +7,3% del 2014. Si tratta della crescita al passo più lento dal 1990. E nel 2017 è atteso per Pechino un +6,5%.

Da segnalare invece le prospettive più rosee per l'Iran, che grazie al raggiungimento lo scorso luglio di uno storico accordo sul nucleare con le principali potenze mondiali dovrebbe iniziare a godere della rimozione delle sanzioni non appena essa avverrà. A Teheran il Pil è visto salire nel 2016 del 5,8%, il 3,8% in più delle stime della Banca Mondiale di giugno.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Al via direttorio della Bce da cui è attesa proroga piano acquisti
Bce
Bce inchioda i tassi a zero e proroga il Qe a tutto il 2017
Ocse
Ocse, superindice in lieve aumento a ottobre ma in Italia -0,04%
Ambiente
Italia rischia sanzioni Ue per mancato trattamento acque reflue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Domenica 11 dicembre Cantine aperte a Natale
Turismo
Con Volagratis Capodanno low cost da Parigi al Mar Rosso
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Nuova Leon Cupra, più potenza e migliori prestazioni