lunedì 20 febbraio | 09:47
pubblicato il 07/gen/2016 07:04

Banca mondiale taglia stime di crescita globale per il terzo anno

Pesano gli emergenti; si prevede Pil 2016 +2,9%

Banca mondiale taglia stime di crescita globale per il terzo anno

New York, 7 gen. (askanews) - Per il terzo anno di fila la Banca Mondiale ha tagliato le stime di crescita mondiale, colpa delle prospettive in peggioramento soprattutto per le economie emergenti per cui "quest'anno rappresenta il test maggiore dalla crisi globale finanziaria" del 2008. E' quanto emerge dal rapporto intitolato "Global Economic Prospects. Spillovers amid weak growth", in cui l'istituto di Washington prevede per il 2016 un Pil globale in aumento del 2,9%, pari allo 0,4% in meno rispetto ai calcoli dello scorso giugno, ma meglio del 2,4% preliminare del 2015.

L'economia dell'eurozona dovrebbe espandersi quest'anno dell'1,7%, lo 0,1% in meno di quanto previsto la scorsa estate ma oltre il +1,5% stimato per il 2015. Negli Stati Uniti è atteso un +2,7% e non più un +2,8% dopo il +2,5% registrato nel 2015. La sforbiciata maggiore tra le principali economie così come classificate dall'istituzione guidata da Jim Yong Kim va alla Russia, il cui Pil nel 2016 si contrarrà dello 0,7%, un peggioramento dell'1,4%.

Tra le economie emergenti invece il taglio più consistente delle stime (del 3,6%) spetta al Brasile, la cui economia è vista contrarsi del 2,5% quest'anno per poi tornare a crescere dell'1,4% nel 2017 (comunque un peggioramento dello 0,6%). Il Pil della Cina è visto salire del 6,7% e non più del 7% previsto a giugno dopo il +6,9% del 2015 e il +7,3% del 2014. Si tratta della crescita al passo più lento dal 1990. E nel 2017 è atteso per Pechino un +6,5%.

Da segnalare invece le prospettive più rosee per l'Iran, che grazie al raggiungimento lo scorso luglio di uno storico accordo sul nucleare con le principali potenze mondiali dovrebbe iniziare a godere della rimozione delle sanzioni non appena essa avverrà. A Teheran il Pil è visto salire nel 2016 del 5,8%, il 3,8% in più delle stime della Banca Mondiale di giugno.

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Kraft-Unilever
Kraft Heinz rinuncia a offerta acquisto Unilever
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ordini Medici: pubblicità sanitaria selvaggia è allarme sociale
Motori
BMW presenta la nuova Serie 5 berlina
Enogastronomia
"Benvenuto Brunello" Guida Rossa Michelin firma piastrella 2016
Turismo
Turismo, Alpitour amplia la rete su Andalusia e Costa del Sol
Energia e Ambiente
Premio ai Vigili del fuoco per i voli su Amatrice e Rigopiano
Moda
Moda New York, la donna bon ton secondo Carolina Herrera
Scienza e Innovazione
SpaceX, rinviato lancio del Falcon-9 dalla piattaforma Nasa 39-A
TechnoFun
Amazon, a tempo di record i lavori per nuovo centro vicino Roma
Sistema Trasporti
Ibar, Usa e Cina ancora al top per i voli dall'Italia