martedì 21 febbraio | 16:14
pubblicato il 14/nov/2012 13:54

Banca Mondiale/ Italia,oltre 70% costo avvio impresa va a notai

Barca: una vera tassa da parte di una categoria di "rentier"

Banca Mondiale/ Italia,oltre 70% costo avvio impresa va a notai

Roma, 14 nov. (askanews) - Un gruppo di "rentier" che caricano di costi le imprese, accaparrandosi di fatto buona parte dei miglioramenti compiuti per alleggerire le procedure di avvio di una attività: a denunciarlo è il rapporto sull'Italia della Banca Mondiale, presentato oggi a Roma e dal quale emerge un dato eclantante. I "servizi professionali" rappresentano in media più del 70 per cento dei costi per avviare una impresa. Per essere più precisi il 72,2 per cento, che viene assorbito dai "costi notarili". "Una vera tassa", ha commentato il ministro per la coesione territoriale Fabrizio Barca, intervenendo alla presentazione dello studio. "Ci sono professionisti che si accaparrano dei miglioramenti fatti sui tempi di avviamento si una attività. Si tratta di una vera tassa sull'attività di impresa che viene da una categoria di rentiers". Barca ha peraltro lamentato che a fronte di questi costi elevati corrisponde una mancata competizione nel settore, anche tra le città. Ed è la stessa Banca Mondiale a puntare il dito sul problema, affermando nello studio come "avviare una impresa in Italia è rapido ma costoso". In media nelle 13 città monitorate avviare un attività comporta 6 diverse procedure, con un tempo totale di soli 9 giorni, ma quando si guarda ai costi si raggiunge ben il 14,5 per cento del reddito procapite. Con queste caratteristiche la città media italiana si piazza 96esima tra 185 economie mondiali del rapporto generale Doing Business. Nella graduatoria generale l'Italia invece si colloca al già non esaltante 73esimo posto. Maglie nere suo costi sono Milano e Roma. (segue)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Pensioni
Pensioni, Boeri: pensare a giovani, alcuni privilegi da rivedere
Alitalia
Alitalia, sindacati: sciopero confermato, governo convoca azienda
Moda
La moda porta a Milano 1,7 mld al mese, un terzo viene da estero
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ictus, movimento e linguaggio tra le funzioni più colpite
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Olio extravergine, a Sol d'Oro Emisfero Nord Italia batte Spagna 12 a 3
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Onde gravitazionali, inaugurato a Cascina l'Advanced Virgo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Il mondo in coda: strade sempre più trafficate, anche in Italia