lunedì 05 dicembre | 10:26
pubblicato il 30/ago/2013 19:09

Banca Marche: Bankitalia dispone gestione provvisoria

(ASCA) - Roma, 30 ago - La Banca d'Italia, con provvedimento del 27.8.2013, ha disposto la sospensione, in via temporanea, degli organi con funzioni di amministrazione e controllo di Banca delle Marche, ai sensi dell'articolo 76 del Testo Unico Bancario.

Lo comunica una nota del gruppo, secondo cui sono stati nominati quali Commissari della banca Giuseppe Feliziani e Federico Terrinoni. Gli organi si sono insediati oggi. Il provvedimento, prosegue il comunicato, e' stato assunto anche alla luce dei risultati del primo semestre, pubblicati in data odierna, che si caratterizzano per consistenti rettifiche su crediti poste in essere dalla banca.

La procedura di gestione provvisoria, operando sotto la supervisione della Banca d'Italia, avra' quindi il compito di condurre l'attivita' aziendale secondo criteri di sana e prudente gestione; dovra' inoltre individuare le necessarie iniziative di rafforzamento patrimoniale, al fine di completare l'azione di risanamento gia' avviata dalla banca.

La clientela, assicura la banca, potra' quindi continuare a rivolgersi come di consueto agli sportelli della banca, che prosegue regolarmente la propria attivita'.

com-fch/sam/rl

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari