sabato 03 dicembre | 01:19
pubblicato il 08/feb/2016 16:40

Banca Etruria, giudici si riservano su istanza fallimento

La decisione entro 20 giorni

Banca Etruria, giudici si riservano su istanza fallimento

Arezzo (askanews) - Il tribunale di Arezzo si è riservato di pronunciarsi sullo stato di insolvenza della vecchia Banca Etruria. I giudici della sezione fallimentare si sono riservati di decidere sia sulla dichiarazione che precluderebbe al fallimento dell'istituto, sia sull'eccezione di incostituzionalità avanzata dai legali dell'ex presidente Lorenzo Rosi.

Intanto non si placa la protesta degli obbligazionisti che chiedono indietro i risparmi di una vita. Hanno fatto sentire la loro voce all'esterno del tribunale aretino, anche perché finora non hanno ottenuto la documentazione necessaria ai ricorsi e promessa dalla dirigenza della nuova Banca Etruria.

Una di loro, Patrizia Benvenuti: "Mio marito deve aver fatto il contratto con dei fantasmi - ha detto - perchè non appare

il nome di nessuno nei documenti"

La decisione dei giudici è attesa entro venti giorni. Il 10 marzo, invece, la prima udienza per il filone dell'ostacolo alla vigilanza.

Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari