giovedì 19 gennaio | 14:55
pubblicato il 15/gen/2014 16:02

Autostrade: Lupi chiede sconti del 20% per pendolari (1 update)

(ASCA) - Roma, 15 gen 2014 - Il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, ha chiesto alle societa' concessionarie autostradali agevolazioni tariffarie del 20% a favore dei pendolari. Le agevolazioni saranno progressive a partire da una frequenza di percorrenza da punto a punto di 40 viaggi tra andata e ritorno al mese per una distanza massima di 50 chilometri. Il governo ha chiesto che le agevolazioni partano dal 1* febbraio prossimo.

Il ministro, in una conferenza stampa dopo l'incontro con rappresentanti dell'Aiscat, ha chiarito che la richiesta di uno sconto per i pendolari e' stata posta dal Governo ''con forza sul tavolo. Il sistema autostradale deve darci una risposta, al massimo entro l'inizio della porssima settimana.

Penso che tra lunedi' e martedi' si possa convocare un nuovo incontro''.

''Le tariffe autostradali - ha spiegato Lupi - hanno un impatto sociale importantissimo e per questo il Governo ha chiesto alle societa' concessionarie un primo passo immediato. Abbiamo individuato due categorie che hanno risentito maggiormente degli aumenti delle tariffe: i pendolari e gli autotrasportatori. Con questi ultimi, il sottosegretario Ghirlanda sta proseguendo un dialogo gia' avviato, per i pendolari invece abbiamo chiesto abbiamo chiesto nel piu' breve tempo possibile, dal primo febbraio, delle agevolazioni''. In pratica, la figura del pendolare che potra' usufruire delle agevolazioni sara' individuata dalla frequenza di percorrenza da un determinato punto a un altro (20 viaggi al mese per l'andata e altrettanti per il ritorno tenendo conto dei giorni lavorativi effettivi) e dalla distanza (per un raggio massimo di 50 chilometri). Si partira' da uno sconto massimo del 20% che andra' a calare in funzione della frequenza di percorrenza.

L'altro fronte su cui il governo sta lavorando e' una revisione del sistema di calcolo degli aumenti tariffari.

''Come Governo - ha spieagto Lupi - ci siamo posti il problema di come rendere compatibili la necessita' di fare gli investimenti e il loro finanziamento attraverso le tariffe. Oggi abbiamo detto che vogliamo consensualmente lavorare per ragionare sulle compatibilita' delle nuove esigenze''. Il ministro ha comunque chiarito che ''la volonta' del Governo e' quella di rispettare i contratti in essere''. Di questo secondo aspetto se ne occupera' il presidente dell'Autorita' dei Trasporti che oggi era presente all'incontro. ''L'Autorita' - ha aggiunto il ministro - lavorera' per rendere compatibili l'impatto delle tariffe con la necessita' di remunerare gli investimenti. Penso che i primi sei mesi dell'anno possano servire per definire'' uno schema.

sen/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Petrolio
Petrolio, Aie rivede al rialzo domanda mondiale, cala offerta Opec
Valute
Effetto Trump sul dollaro, vicino ai minimi di due mesi con yen
Netflix
Netflix, record di abbonati nel 4 trimestre, anche fuori dagli Usa
Altre sezioni
Salute e Benessere
Ricerca, molti batteri presenti nel neonato vengono dalla madre
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Allarme Clima, il 2016 è stato l'anno più caldo di sempre
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Cern, LHC: Federico Antinori (Infn) responsabile esperimento Alice
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale