giovedì 23 febbraio | 10:40
pubblicato il 16/set/2014 18:29

autorita' Usa indagano su unita' in Florida di Banco Espirito Santo

Sotto osservazione rapporti con controllata a Panama (ASCA) - New York, 16 set 2014 - Le autorita' di regolamentazione americane hanno avviato un'indagine sulla divisione in Florida di Banco Espirito Santo, inserendosi negli sforzi internazionali per comprendere le implicazioni del collasso dell'istituto portoghese. Come riporta il Wall Street Journal, la Securities and Exchange Commission (la Consob americana) e la Federal Deposit Insurance Corporation (l'agenzia che garantisce i depositi bancari negli Stati Uniti) e le autorita' di regolamentazione finanziaria della Florida stanno esaminando i legami tra la divisione in Florida e una controllata a Panama.

La divisione avrebbe venduto titoli obbligazionari emessi da varie controllate del gruppo portoghese direttamente a clienti di banche del gruppo, cosa vietata dalle regole interne del gruppo e dalle autorita' di regolamentazione. I titoli si sono poi rivelati praticamente privi di valore. A24-Ars

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Mps, Pagani: ancora qualche settimana con Ue, siamo positivi
Alitalia
Alitalia, Uilt: pronti a nuovi scioperi, domani confermato
Alitalia
Alitalia, domani sciopero di 4 ore. Sindacati pronti a nuovi stop
Intesa Sp
Intesa Sp, Gros-Pietro: Generali non ha chiesto ingresso in Cda
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
150 ettari oliveto sul mare a Menfi, prende vita progetto Planeta
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Una legge per istituire la Giornata del risparmio energetico
Moda
A Londra apre una mostra su Lady Diana, icona della moda
Scienza e Innovazione
A Tallinn in Estonia un robot fattorino fa consegne a domicilio
TechnoFun
La Cina leader nel mondo delle app per abbellire i selfie
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech