giovedì 19 gennaio | 10:03
pubblicato il 01/lug/2014 18:11

Auto: Unrae, a giugno mercato torna positivo ma famiglie comprano meno

(ASCA) - Roma, 1 lug 2014 - Le 127.489 immatricolazioni di autovetture registrate nel mese di giugno - secondo quanto diffuso oggi dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti - segnano un incremento del 3,8% rispetto alle 122.815 vendute nel giugno 2013.

Trascorsa la prima meta' dell'anno, il mercato archivia nel complesso 756.818 immatricolazioni, in crescita del 3,3% sulle 732.322 del 1* semestre di un anno fa.

''Alla luce di questi dati, non dobbiamo, pero', trascurare che il segno positivo del semestre e' il risultato di un confronto con un periodo di difficolta' del mercato e del particolare momento favorevole delle vendite a noleggio per le ragioni ormai note, a fronte di una situazione ancora stagnante delle vendite alle famiglie, il cui valore rimane ancora inferiore rispetto allo scorso anno'', ha detto Massimo Nordio, Presidente dell'UNRAE, l'Associazione delle Case automobilistiche estere.

Nel segmento privati, il vero sensore dello stato di salute del mercato, infatti, nei sei mesi si sono immatricolate 458.504 autovetture, 6.635 clienti in meno dello scorso anno.

Nel solo mese di giugno, la quota delle famiglie raggiunge il livello piu' basso di sempre, con il 57,4% del totale mercato.

''Fatte queste premesse - prosegue Nordio - la riapertura del Tavolo della Consulta Automotive al MISE con il Ministro Guidi e il lavoro ricognitivo che sta portando avanti la Commissione Finanze della Camera sulla revisione della fiscalita' sull'auto, ci consentono tuttavia di riconoscere come l'auto sia tornata ad avere attenzione dagli Organi Istituzionali e che, pur nella difficolta' di trovare coperture economiche adeguate, esista una nuova e propositiva volonta' di conseguire tangibili risultati a breve termine''.

''Richiamiamo, pero', l'attenzione del Governo sul fatto che la leggera crescita del mercato non accompagna il target di mercato piu' delicato, quello delle famiglie, e che pertanto e' urgente attivare alcune delle manovre allo studio, per alleggerire la pressione fiscale. Potrebbero beneficiarne anche le auto aziendali, per le quali in sede parlamentare si e' avviato il dibattito per riallinearne la fiscalita' a quanto praticato in Europa''.

''Ci sono, quindi, ambiti di ottimismo per sperare - ha concluso Nordio - che il secondo semestre possa confermare i tenui segnali di miglioramento che si sono visti dall'inizio dell'anno, a condizione che si riescano a riportare i cittadini nelle concessionarie ed a ridurre la pressione fiscale anche sulle aziende''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Fed
Fed, Yellen vede tassi al 3% alla fine del 2019
Alitalia
Alitalia, Hogan: da Etihad e Abu Dhabi impegno per rilancio
Fs
Fs: firmato accordo, acquisisce la società greca Trainose
Valute
Effetto Trump sul dollaro, vicino ai minimi di due mesi con yen
Altre sezioni
Salute e Benessere
"Guarda che bello", quando gli occhi dei bimbi si curano con gioia
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
"L'Ara com'era", il racconto dell'Ara Pacis diventa più immersivo
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Gb, arrivato a Londra primo treno merci proveniente dalla Cina