venerdì 20 gennaio | 21:37
pubblicato il 01/feb/2013 18:28

Auto: Unrae, a gennaio 18* calo a doppia cifra in due anni

(ASCA) - Roma, 1 feb - Gennaio chiude con il 18* calo a doppia cifra in due anni (2011-2013). E' quanto rileva l'Unrae commentando i dati diffusi dalla Motorizzazione Civile. Le 113.525 unita' immatricolate nel mese appena trascorso, infatti, indicano una flessione anche peggiore di quella del gennaio 2012 e pari al 17,6%, rispetto alle 137.745 dell'anno precedente, che a sua volta registro' - appunto - una flessione del 16,6%. Il calo rispetto al gennaio 2011 e' quindi del 31,6%.

''Il 2013 dell'auto non comincia bene e non poteva essere diversamente, in assenza di interventi di alleggerimento dell'enorme pressione fiscale sulle famiglie e del credito alle imprese'' - cosi' ha commentato Jacques Bousquet, Presidente dell'UNRAE, l'Associazione delle Case automobilistiche estere in Italia.

''Se ricordassimo che gennaio vale storicamente il 10% dell'immatricolato dell'anno, il consuntivo di questo mese proietterebbe a fine anno un risultato che non voglio nemmeno immaginare''.

''Vorremmo far rilevare - prosegue il Presidente - come nessuno dei soggetti coinvolti in questa campagna elettorale abbia finora concretamente dato attenzione ad una filiera che dava lavoro a 1.200.000 persone, che contribuiva ad un gettito fiscale pari al 16,6% del totale e che valeva l'11,4% del PIL e come nessuno abbia dato rilievo alla crisi occupazionale della filiera automotive (circa 350 imprese chiuse nel 2012, con 10.000 nuovi disoccupati non coperti da supporti previdenziali).

Soprattutto, vorremmo far rilevare come, nella competizione elettorale, nessuno indichi le modalita' e le azioni necessarie a far recuperare allo Stato il mancato gettito generato da provvedimenti sbagliati sul settore auto in generale, sulle auto aziendali e su quelle di potenza superiore ai 185 kW''.

''Auspichiamo - conclude Bousquet - che, dalle nostre sollecitazioni, nelle prossime 3 settimane ci sia qualcuno che mostri sensibilita' ai temi dell'auto, alla sua filiera occupazionale e, soprattutto, alle difficolta' delle famiglie coinvolte, degli automobilisti e delle imprese strette dalle difficolta' di accesso al credito. L'UNRAE resta disponibile a fornire ogni supporto e proposte concrete per il rilancio del settore''.

com-fgl/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia, Messina: da tutti c'è volontà di risolvere situazione
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Mediaset
Mediaset, P.S. Berlusconi: Vivendi? Se ne esce per vie legali
Ibm
Ibm archivia il 19esimo trimestre di fila con ricavi in calo
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Formaggi, yogurt, mozzarelle: ora obbligatorio indicare l'origine dellatte
Turismo
Via in Uruguay i 40 giorni del carnevale, il più lungo del mondo
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio: da Cassini primo piano per Dafni, piccola luna di Saturno
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4