venerdì 09 dicembre | 16:18
pubblicato il 03/mar/2014 19:03

Auto: Promotor, difficile dire se e' partita la ripresa

(ASCA) - Roma, 3 mar 2014 - In febbraio e' arrivato il terzo segnale positivo consecutivo dal mercato italiano dell'auto.

Nel mese le immatricolazioni sono state 118.328 con un incremento dell'8,6% sul febbraio 2013. Questa crescita arriva dopo gli incrementi dell'1,4% in dicembre e del 3,2% in gennaio, che hanno interrotto una serie nera che durava dalla fine degli incentivi 2009/2010. La sequenza dei tre incrementi a cavallo tra 2013 e 2014 indica che il recupero si sta rafforzando. E' quanto rileva il centro studi Promotor rilevando che sul mercato dell'auto, sceso nel 2013 a livelli del 47,7% inferiori a quelli ante-crisi (2007), si e' indubbiamente prodotta una nuova situazione. E' difficile tuttavia dire se ci troviamo di fronte a un rimbalzo tecnico o se sia iniziata una vera e propria ripresa destinata a prendere corpo nel prossimo futuro. E' evidente che sulla positiva evoluzione degli ultimi tre mesi ha influito in maniera determinante il fatto che la domanda aveva ormai raggiunto livelli non piu' comprimibili. Il recupero non puo' essere infatti attribuibile ne' all'azione del Governo, che nulla ha fatto per sostenere l'auto, ne' alla ripresa dell'economia, che sembrava delinearsi all'inizio dell'autunno, ma che si e' probabilmente arrestata con il nuovo calo della produzione industriale di dicembre e con una lunga serie di dati sull'economia tutti in negativo tranne il clima di fiducia degli operatori economici che miracolosamente cresce. Anche la fiducia degli operatori del settore auto (monitorata dal Centro Studi Promotor) nella seconda meta' del 2013 era in crescita ed ancora lo era nel gennaio scorso, ma in febbraio accusa una significativa battuta d'arresto. Vi e' quindi la possibilita' che i segnali positivi degli ultimi tre mesi vengano spazzati via dal mancato decollo della ripresa dell'economia e gli operatori del settore auto cominciano ad avvertire questo pericolo. Non va dimenticato che, secondo i concessionari auto interpellati a fine febbraio dal Centro Studi Promotor, il principale fattore di freno della domanda di autovetture e' costituito dalla situazione economica, seguita dalla politica governativa chiaramente discriminatoria nei confronti dell'automobile e dall'elevatezza dei costi di esercizio (carburanti e assicurazioni soprattutto). Perche' la primavera dell'auto degli ultimi mesi non si riveli un'estate di San Martino occorre quindi che agli annunci del nuovo Governo seguano immediatamente fatti e occorre anche che il primo provvedimento non riguardi aumenti di imposte, ma preveda un consistente taglio della tassazione sui redditi bassi e medio-bassi (cuneo fiscale). E' proprio questo infatti il provvedimento piu' importante anche per ridare fiato al mercato dell'auto sceso ormai al disotto del livello di sopravvivenza per un numero molto importante di operatori del settore. Il rilancio della domanda interna e dell'economia e' infatti essenziale per far si che il recente positivo andamento delle immatricolazioni non sia soltanto un rimbalzo tecnico, ma l'inizio di una ripresa. Perche' la ripresa prenda corpo occorre pero' anche che il Governo adotti provvedimenti per rimuovere le troppe penalizzazioni alla domanda di auto che sono introdotte negli ultimi anni e che hanno portato il livello di tassazione sull'automobile ben al di la' del sopportabile e delle peggiori tra le situazioni dei nostri partners europei.

did/

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Borsa
La Borsa di Milano brinda alla proroga del Qe Bce, Ftse-Mib +1,64%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Veronafiere, Usa: le regole import sui vini biologici
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Morto a 95 anni John Glenn, il primo austronauta Usa in orbita
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina