sabato 10 dicembre | 17:40
pubblicato il 11/lug/2012 21:00

Auto/ Nuove norme Ue a conferma obbligo ridurre emissioni CO2

Obiettivi 130 g/Km nel 2015 e 95 g/km nel 2020, su media vendite

Auto/ Nuove norme Ue a conferma obbligo ridurre emissioni CO2

Bruxelles, 11 lug. (askanews) - La Commissione europea ha confermato gli obiettivi per la riduzione obbligatoria delle emissioni di CO2 dalle nuove auto passeggeri e dai nuovi furgoni commerciali che verranno fabbricati nell'Ue, varando nuove norme sulle modalità di attuazione. Non era scontato, viste le forti pressioni che, nel contesto della crisi economica, sono state esercitate sull'Esecutivo comunitario affinché procedesse a una revisione al ribasso delle sue ambizioni. Le emissioni medie provenienti dalle autovetture nuove dovranno passare dagli attuali 135,7 grammi di CO2 a chilometro del 2011 a 95 g/km nel 2020, con un obiettivo obbligatorio intermedio di 130 g/km nel 2015. Le emissioni dai veicoli commerciali leggeri (Van) saranno ridotte invece dai 181,4 g di CO2/km nel 2010 (l'ultimo anno per cui sono disponibili dati) a 147 g/km nel 2020 con un obiettivo obbligatorio intermedio di 175 g/km nel 2017. Gli obiettivi di riduzione obbligatori delle emissioni di CO2 dalle auto erano già previsti della legislazione europea vigente, in un regolamento del 2009 che però doveva essere sottoposto quest'anno a revisione da parte della Commissione, sulla base di un'analisi tecnica ed economica approfondita, prima di procedere al varo dei regolamenti di attuazione, che dovranno ora essere approvati in co-decisione dal Parlamento europeo e dal Consiglio Ue. La revisione non ha portato cambiamenti (nonostante le pressioni dei produttori di grosse auto) all'impianto di fondo della normativa per il taglio delle emissioni, che impone obiettivi differenziati di riduzioni di CO2 (in valore assoluto) per ciascun gruppo industriale, sulla base del peso medio ponderato della propria flotta. In pratica, ogni gruppo dovrà ridurre le emissioni del 19% dal 2006 al 2015 e del 27% dal 2015 al 2020, secondo una curva (con peso in ascissa e CO2 emesso nelle ordinate) che ha una pendenza del 60%. In termini assoluti, le vetture più grandi e pesanti (tipicamente quelle tedesche), che emettono quantità maggiori di CO2, dovranno ridurre le emissioni di più delle vetture piccole e leggere (italiane e francesi)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina