mercoledì 22 febbraio | 11:50
pubblicato il 11/lug/2012 21:00

Auto/ Nuove norme Ue a conferma obbligo ridurre emissioni CO2

Obiettivi 130 g/Km nel 2015 e 95 g/km nel 2020, su media vendite

Auto/ Nuove norme Ue a conferma obbligo ridurre emissioni CO2

Bruxelles, 11 lug. (askanews) - La Commissione europea ha confermato gli obiettivi per la riduzione obbligatoria delle emissioni di CO2 dalle nuove auto passeggeri e dai nuovi furgoni commerciali che verranno fabbricati nell'Ue, varando nuove norme sulle modalità di attuazione. Non era scontato, viste le forti pressioni che, nel contesto della crisi economica, sono state esercitate sull'Esecutivo comunitario affinché procedesse a una revisione al ribasso delle sue ambizioni. Le emissioni medie provenienti dalle autovetture nuove dovranno passare dagli attuali 135,7 grammi di CO2 a chilometro del 2011 a 95 g/km nel 2020, con un obiettivo obbligatorio intermedio di 130 g/km nel 2015. Le emissioni dai veicoli commerciali leggeri (Van) saranno ridotte invece dai 181,4 g di CO2/km nel 2010 (l'ultimo anno per cui sono disponibili dati) a 147 g/km nel 2020 con un obiettivo obbligatorio intermedio di 175 g/km nel 2017. Gli obiettivi di riduzione obbligatori delle emissioni di CO2 dalle auto erano già previsti della legislazione europea vigente, in un regolamento del 2009 che però doveva essere sottoposto quest'anno a revisione da parte della Commissione, sulla base di un'analisi tecnica ed economica approfondita, prima di procedere al varo dei regolamenti di attuazione, che dovranno ora essere approvati in co-decisione dal Parlamento europeo e dal Consiglio Ue. La revisione non ha portato cambiamenti (nonostante le pressioni dei produttori di grosse auto) all'impianto di fondo della normativa per il taglio delle emissioni, che impone obiettivi differenziati di riduzioni di CO2 (in valore assoluto) per ciascun gruppo industriale, sulla base del peso medio ponderato della propria flotta. In pratica, ogni gruppo dovrà ridurre le emissioni del 19% dal 2006 al 2015 e del 27% dal 2015 al 2020, secondo una curva (con peso in ascissa e CO2 emesso nelle ordinate) che ha una pendenza del 60%. In termini assoluti, le vetture più grandi e pesanti (tipicamente quelle tedesche), che emettono quantità maggiori di CO2, dovranno ridurre le emissioni di più delle vetture piccole e leggere (italiane e francesi)

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Taxi
Taxi, Padoan: liberalizzazione va fatta ma con transizione dolce
Alitalia
Alitalia, sindacati disertano tavolo Assaereo su contratto
Toshiba
Toshiba vola in Borsa (+22%) su ipotesi vendita chip
Taxi
Taxi, Nencini: sindacati d'accordo per sospendere proteste
Altre sezioni
Salute e Benessere
Carnevale, allarme dermatologi: attenzione a trucchi e maschere
Motori
Man lancia due iniziative per salute e sicurezza degli autisti
Enogastronomia
Verso candidatura cultura del tartufo a patrimonio Unesco
Turismo
Lourdes, destinazione turistica a 360 gradi
Energia e Ambiente
Energia, nanosfere di silicio per finestre fotovoltaiche economiche
Moda
Il business della Moda porta a Milano 1,7 miliardi al mese
Scienza e Innovazione
Elicotteri italiani AW-139 in Pakistan, nuovo ordine per Leonardo
TechnoFun
Eutelsat a quota 1000 canali HD trasmessi su propria flotta
Sistema Trasporti
Al via a Verona Transpotec: espositori in crescita + 20%