venerdì 09 dicembre | 15:06
pubblicato il 17/gen/2013 16:51

Auto: Marchionne, no a squilibri Ue-Giappone, a rischio 73 mila posti

(ASCA) - Milano, 17 gen - No a un accordo di libero scambio tra Unione Europea e Giappone che ''metterebbe a rischio dai 35 mila ai 73 mila posti di lavoro'' nel settore auto nel Vecchio Continente. A chiederlo e' l'amministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne, che durante il suo intervento al 'Quattroruoteday' ha evidenziato: ''Non ci sono motivi per esporre l'industria dell'auto europea ad un altro accordo squilibrato, con uno dei nostri principali concorrenti. Ho sempre sostenuto l'importanza degli accordi che favoriscono le relazioni commerciali. Sono il primo a schierarmi a favore di un mercato libero e senza barriere.

Ma alla base di tutto cio' - ha concluso l'amministratore delegato della Fiat - deve esserci un principio sacrosanto: la parita' di condizioni per i concorrenti''.

fcz/mau/bra

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Bce
Draghi prolunga gli stimoli di 9 mesi e rassicura sull'Italia
Mps
Mps: da Vigilanza Bce no a proroga tempi per aumento capitale
Bce
Draghi: non vediamo euro a rischio da incertezza politica Italia
Francia
Francia, banca centrale taglia stime crescita citando la Brexit
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Veronafiere, Usa: le regole import sui vini biologici
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
Roma, domani al via la terza "Isola della sostenibilità"
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Ricerca, da 2018 l'ERC tornerà a finanziare team multidisciplinari
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina