venerdì 20 gennaio | 11:55
pubblicato il 07/mag/2013 16:21

Auto: Ferrari (Anfia), realizzare Consulta per l'automotive

(ASCA) - Torino, 7 mag - Il nuovo governo deve rilanciare il progetto e rendere operativa la Consulta per l'automotive, organo consultivo di supporto con la partecipazione di piu' ministeri competenti sul settore e con l'obiettivo di definirne un piano strategico di medio periodo. E' quanto ha chiesto il presidente dei componentisti dell'Anfia Mauro Ferrari al convegno sulle prospettive della componentistica italiana svoltosi oggi a Torino ricordando che la discussione era stata gia' avviata con il governo Monti.

''La Consulta - ha detto Ferrari - dovrebbe diventare l'interlocutore privilegiato per i provvedimenti legislativi che riguarderanno il mondo della mobilita', con il compito di attrarre investimenti, favorire la crescita dimensionale delle imprese, sviluppare le roadmap tecnologiche per i veicoli a basse emissioni con lo scopo di promuovere l'Italia come paese ideale per sviluppare le nuove tecnologie''.

Nel suo intervento Ferrari ha anche ricordato che il fatturato della componentistica auto e' sceso nel 2012 attorno ai 37-38 miliardi, con una contrazione del 10-12% sul 2011. Il settore si mantiene vitale con un tasso di ricerca e sviluppo pari al 2,5% del fatturato e una bilancia commerciale positiva per 7 miliardi. Ma su cui pesa la contrazione della Fiat. Il calo di fatturato e' infatti dovuto quasi tutto alla flessione della produzione di auto in Italia che rappresenta il 55% del fatturato della componentistica mentre l'export ha registrato una flessione del 5,3%. Le auto prodotte in Italia, ha sottolineato Ferrari sono scese a 400mila unita' nel 2012 (-18%) , con un rapporto tra auto prodotte e auto immatricolate rimasto fermo al 28%.

Questo mentre Germania e Francia producono circa il doppio delle loro immatricolazioni, la Francia e' salita dall'88 all'89% e la Gran Bretagna dal 69 al 72% pur in assenza di un costruttore nazionale. Per questo ha sottolineato Ferrari bisogna ridare competitivita' al paese, agendo sul fisco a carico delle aziende e deille persone, sulla burocrazia, sulla macchina dello Stato inefficiente e costosa.

eg/mau/ss

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Ilva
Ilva, Laghi: in 2016 produzione +23% con 5,8 mln tonnellate
Bce
Bce conferma a zero principale tasso di interesse dell'area euro
Poste
Poste, Caio: società privatizzata ma resta missione sociale
Terremoti
Terremoto, Juncker: Ue pronta a mobilitare tutti i suoi strumenti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Asma e Bpco, 15% italiani soffre malattie respiratorie persistenti
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Consorzio Valpolicella: in Usa il 10% della produzione di Amarone
Turismo
Da Bookingfax una App per riportare turisti in Agenzia di viaggio
Energia e Ambiente
Ambientalisti italiani in piazza per Trump
Moda
Moda, dopo Milano Brandamour apre uno show room anche a New York
Scienza e Innovazione
Alibaba diventa partner delle Olimpiadi fino al 2028
TechnoFun
Italiaonline si conferma prima internet company italiana
Sistema Trasporti
TomTom City, la piattaforma monitora il traffico in tempo reale