lunedì 27 febbraio | 18:00
pubblicato il 01/lug/2014 18:16

Auto: Federauto, rialzo immatricolazioni giugno solo 'rimbalzo tecnico'

(ASCA) - Roma, 1 lug 2014 - Secondo i dati diffusi dal Ministero dei Trasporti il mese di giugno si e' chiuso con 127.489 immatricolazioni di autovetture nuove, segnando un +3,8% rispetto a giugno 2013. ''A nostro avviso il dato positivo di giugno va considerato come un 'rimbalzo tecnico' sostenuto unicamente da noleggio e kilometrizero, realizzati in numero significativo dal sistema distributivo per traguardare i premi correlati alla realizzazione degli obiettivi di vendita del secondo trimestre e del primo semestre dell'anno. Questo il commento a caldo di Filippo Pavan Bernacchi, presidente di Federauto precisando che ''dalle nostre stime il canale privati, la parte piu' sana delle nostre vendite - che non e' inquinata da artifizi di sorta - potrebbe segnare a luglio un record negativo andando molto sotto il 60% dell'intero mercato''.

La Federazione dei concessionari di tutti i brand commercializzati in Italia ritiene che il mercato dell'auto sia imbalsamato dalla situazione economica del paese, oramai fanalino di coda dell'Europa. Situazione creata soprattutto dall'inasprimento fiscale voluto dagli ultimi Governi verso chi acquista e utilizza un autoveicolo. Tasse che hanno ridotto drasticamente i consumi, danneggiando lo Stato che ha visto ridursi le entrate fiscali e che quindi potrebbe scegliere ancora una volta la via piu' facile: alzare ancora le tasse. In un circolo vizioso che ci puo' portare solo dritti nel baratro.

Lo dimostrano, fra le altre cose, le pesanti ristrutturazioni ancora in corso, a suon di chiusure e licenziamenti e le oltre 8 milioni di ore di cassa integrazione per la nostra filiera dal 1 gennaio. Conclude Pavan Bernacchi: ''Abbiamo molto apprezzato la volonta' espressa dal Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi nella riunione convocata lo scorso 23 giugno con tutte le Associazioni del settore automotive, tesa ad accelerare l'analisi sulle proposte concrete per uscire dalla situazione di grave crisi in cui versiamo. E' una impostazione di metodo che condividiamo, ma e' indispensabile che il Governo nel suo complesso prenda atto delle peculiarita' specifiche e della necessita' di interventi concreti in grado di far ripartire il mercato automobilistico che si candida, per i suoi fatturati, a far da traino a tutto il mercato interno''. Pero' - conclude - ''avviso il Governo: le nostre aziende non possono aspettare 1.000 giorni, come per le riforme. Sono anni che aspettiamo e ora abbiamo bisogno di provvedimenti per abbassare la pressione fiscale. E soprattutto, che nessuno pensi di aumentare ancora le tasse sugli autoveicoli''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Alitalia
Alitalia: liquidità al limite, tagli potrebbero salire a 400 mln
Generali
Intesa SanPaolo vola in borsa dopo no a Generali: mercato approva
Borsa
In bilico fusione Lse-Deutsche Borse, nodo mercato titoli Stato
Ue
Regioni: Lombardia la più competitiva in Italia, 143esima in Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Malattie rare, Scaccabarozzi: 560 farmaci in sviluppo nel mondo
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Premio Ercole Olivario, in gara 174 etichette da 17 Regioni
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
E.ON:Per 6 italiani su 10 ideale per la casa è l'energia solare
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Fisica, Masterclass: 3000 studenti alla scoperta delle particelle
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech