venerdì 02 dicembre | 23:41
pubblicato il 03/giu/2014 18:05

Auto: Federauto, dati maggio confermano stagnazione mercato

(ASCA) - Roma, 3 giu 2014 - ''La cautela con cui abbiamo commentato i modesti rimbalzi positivi dei primi mesi del 2014 trova purtroppo conferma nel dato negativo di maggio che, a nostro avviso, non va letto come un segnale di rallentamento ma come espressione di un mercato in sostanziale stagnazione, nonostante la spinta del noleggio e dei kilometri zero. Quindi, nessuna ripresa o, che dir si voglia, ripresina''. Questo il commento a caldo del presidente di Federauto, Filippo Pavan Bernacchi.

Federauto evidenzia che la situazione del mercato auto e' dolorosamente coerente con la situazione economica del Paese, certificata dai dati ufficiali sulla flessione del PIL nel primo trimestre dell'anno, dal generalizzato calo dei consumi di tutti i beni, dal consolidamento della crescita dei disoccupati - record negativo dal 1977 - a cui si aggiungono gli effetti perversi della leva fiscale. Questo spiegherebbe perche' gli acquisti di autovetture da parte delle famiglie si mantengono su livelli storicamente minimali e perche' quelli delle aziende non si esprimono a livelli comparabili con gli altri paesi europei. Aggiunge Angelo Di Martino, presidente dei concessionari Mercedes-Smart: ''E' indispensabile un significativo intervento di riforma dell'imposizione tributaria sui veicoli. Per questo valutiamo positivamente la recentissima proposta di legge presentata dal presidente della Commissione Finanze della Camera dei Deputati, Daniele Capezzone''.

Federauto ritiene che la ''proposta Capezzone'' ponga sul tavolo, con equilibrio, alcuni nodi da sciogliere fra i quali quello del rinnovamento della mobilita' privata in senso ecologicamente compatibile, dell'approccio da seguire per commisurare la tassazione ai livelli di inquinamento dei veicoli, dell'alleggerimento della fiscalita' sulle auto aziendali.

Conclude Pavan Bernacchi: ''Dopo essere stati vittime di una autentica aggressione fiscale da parte dei precedenti Governi, ci chiediamo se quello attualmente in carica avra' la volonta' di restituire all'automotive parte delle risorse drenate in questi anni, dando al settore una opportunita' di crescita vera e, nello stesso tempo, di sviluppo per il Paese''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Banche
Banche: stop Consiglio Stato a riforma popolari, rinvio Consulta
Mps
Mps, adesioni a conversione bond superano 1 miliardo
Italia-Russia
Putin a Pietroburgo inaugura alta velocità, dopo visita Renzi
Eni
Eni: cessato allarme incendio nella raffineria di Sannazzaro
Altre sezioni
Salute e Benessere
Medici: atleti tendono a sovrastimare problemi cardiovascolari
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari