lunedì 05 dicembre | 09:46
pubblicato il 01/lug/2013 18:08

Auto: Federauto, calo giugno conferma che la crisi e' molto grave

(ASCA) - Roma, 1 lug - Nonostante il consueto apporto di autovetture a kilometrizero, il mese di giugno 2013 si e' chiuso con una perdita del -5,5% rispetto a giugno 2012, per un totale di 122.008 pezzi immatricolati. ''Deve pero' esser chiaro a tutti che anche se quest'anno alla fine eguagliassimo il 2012, evento peraltro improbabile, il problema rimarrebbe in tutta la sua interezza. Oramai siamo a un mercato italiano simile a quello del 1969, ossia 44 anni fa. Inoltre a testimoniare che l'Italia ha sbagliato tutte le scelte politiche sull'automotive sono i dati sulle vendite 2012 in Europa, dove siamo stati il fanalino di coda.

Cos'altro bisogna aspettare per intervenire?''. Questo il commento iniziale di Filippo Pavan Bernacchi, presidente di Federauto, l'associazione che rappresenta i concessionari di tutti marchi commercializzati in Italia di auto, veicoli commerciali, industriali e autobus, rispetto ai dati di immatricolazione di autovetture nuove a giugno diffusi questa sera dal Ministero dei Trasporti.

Prosegue Pavan Bernacchi: ''Il nostro ottimismo imprenditoriale viene costantemente smorzato dalla razionalita' dei dati. Il settore dell'auto in Italia sta purtroppo vivendo una crisi molto piu' grave di quella dell'economia reale del Paese: sui livelli ante-crisi le immatricolazioni hanno infatti subito un calo del -44%, mentre la produzione industriale e' scesa del -25,4% e il PIL del -6,5%. I motivi del crollo dell'auto sono evidenti: un' overdose di imposte che si e' abbattuta sulle nostre aziende e sui nostri clienti, caro-IVA, caro-carburanti, caro-assicurazioni, difficolta' di accesso al credito''. Nel mese di giugno - aggiunge - ''abbiamo assistito ancora una volta, ha dell'incredibile, all'utilizzo dell'accisa sui carburanti come fonte di copertura per misure governative e, quindi, abbiamo visto confermata, anche dal Governo Letta, la linea che ha prodotto danni ben piu' gravi della crisi economica in se'. Questo e' il nostro piu' grande rammarico perche' il nostro settore, ancora prima di incentivi, ha bisogno di disinnescare i dis-incentivi o di non vararne di nuovi. E invece cadiamo sempre li', sugli autoveicoli utilizzati per spremere sangue dai muri creando contrazione della domanda e disoccupazione nell'intera filiera''. Secondo le stime di Federauto la proiezione dei dati del primo semestre 2013 porta a intravedere un consuntivo annuale non superiore a 1.250.000 immatricolazioni, con un peggioramento dell'avvilente 2012 chiuso con poco piu' di 1.400.000 pezzi. Conclude Pavan Bernacchi: ''Al Presidente del Consiglio Letta, ai suoi Ministri dell'Economia Saccomanni, dello Sviluppo Economico Zanonato e dei Trasporti Lupi, chiediamo di leggere con attenzione i dati perche' c'e' la necessita' di reagire subito, mettendo al piu' presto intorno al tavolo i rappresentanti di tutta la filiera automobilistica. Un settore che, peraltro, continua a dare allo Stato entrate fiscali per una quota pari al 16,6% del PIL. Ma per quanto?''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Nasce il Movimento Turismo dell'Olio
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari