mercoledì 18 gennaio | 11:41
pubblicato il 01/set/2014 18:25

Auto: Federauto, agosto puo' anticipare assestamento depressivo mercato

(ASCA) - Roma, 1 set 2014 - ''Agosto, pur con il suo basso peso specifico, potrebbe anticipare la tendenza dei prossimi mesi, ossia l'assestamento del mercato auto su livelli depressivi. Detto in altri termini, l'automobile che da sempre nel nostro Paese ha spinto la ripresa dell'economia, in questo momento sta trainando... la crisi dei consumi. In pratica abbiamo trasformato una filiera da sempre virtuosa per le casse dello Stato e per l'occupazione in un problema che genera altri problemi, in un circolo vizioso che deve assolutamente essere spezzato''. E' il commento di Filippo Pavan Bernacchi, presidente di Federauto, l'associazione che rappresenta i concessionari di auto, veicoli commerciali, veicoli industriali e autobus di tutti i brand commercializzati in Italia, ai dati sulle immatricolazioni nel mese di agosto in Italia. Federauto fa presente che il mercato privati, l'unico che non si puo' ''dopare'' con autoimmatricolazioni o altro, langue. Mentre i numeri totali, in qualche maniera, sono livellati su quelli dello scorso anno, a prezzo di pesanti autoimmatricolazioni e ricorso ai noleggi. La Federazione nel contempo registra un forte inasprimento nei rapporti tra Concessionarie e Case Automobilistiche. Questo a causa delle minori risorse a disposizione che spesso, per raggiungere obiettivi di breve, vengono drenate dai bilanci dei dealer. E questo genera una rete distributiva piu' debole caratterizzata dalla chiusura, anche di aziende storiche, e dall'impossibilita' dei superstiti di investire in strutture, attrezzature, personale, aggiornamenti, per meglio soddisfare la clientela. Altro loop negativo.

Pavan Bernacchi conclude invitando ''i politici ad astenersi da anticipazioni mediatiche che poi non trovano riscontro nella realta' dei fatti. Degli incentivi per l'automotive, di qualunque tipo, nello ''Sblocca Italia'' non c'e' traccia e molto probabilmente non saranno varati neanche in futuro. Mancano da un lato le coperture, dall'altro la volonta' politica. E questo a prescindere dal fatto che porterebbero un delta positivo a favore dello Stato e della societa' in termini economici, di sostegno all'occupazione, di qualita' dell'aria e di sicurezza. A patto, pero', che siano almeno triennali e che, in logica di ''droga del mercato'', vengano tolti un po' alla volta. Altrimenti meglio lasciare tutto cosi'''. ''Ai clienti dico mai come adesso e' il momento di acquistare - conclude Pavan Bernacchi -, i prezzi non sono mai stati cosi' bassi ne' le promozioni cosi' allettanti. Onoltre i prodotti che offriamo sono ad altissima tecnologia, belli e funzionali''.

red-gbt

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Brexit
Brexit, sterlina accelera a 1,2290 dopo le parole di May
Trasporti
Trasporto aereo, sindacati: il 23 febbraio sciopero di 4 ore
Mutui
Mutui, Abi: a dicembre tassi interesse al 2,02%, minimo storico
Economia estera
Il presidente cinese Xi va a Davos a difendere il libero scambio
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, arriva dagli Usa il "Piatto unico bilanciato"
Motori
Moto, Ducati e Diesel insieme per una Diavel post-apocalittica
Enogastronomia
Nel 2016 consumi alimentari fuori casa +1,1%, domestici -0,1%
Turismo
Nel 2016 Roma è stata la meta italiana preferita dagli europei
Energia e Ambiente
Leader mondiali dell'industria danno vita all'Hydrogen Council
Moda
Moda, nasce Brandamour, nuovo polo del lusso Made in Italy
Scienza e Innovazione
Nell'Universo ci sono almeno due trilioni di galassie
TechnoFun
Rischi del web, ecco le 8 truffe che colpiscono gli italiani
Sistema Trasporti
Dal 26 marzo al via i nuovi voli da Milano-Malpensa