sabato 10 dicembre | 17:53
pubblicato il 17/giu/2014 10:54

Auto: CSP, si consolida in Ue ripresa immatricolazioni

(ASCA) - Roma, 17 giu 2014 - Dai dati diffusi oggi dall'Acea sulle immatricolazioni di autovetture nell'Unione Europea emerge innanzitutto che continua, ma con un tasso di crescita in rallentamento, il recupero iniziato nel settembre 2013. Lo rileva il Centro Studi Promotor precisando che viene poi confermato l'andamento a due velocita' della zona euro (con recupero piu' lento) e del resto dell'Unione Europea (in crescita piu' sostenuta). ''Il fatto nuovo piu' rilevante - ha dichiarato Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor - e' comunque il consolidarsi della forte ripresa delle immatricolazioni nei paesi della fascia meridionale dell'Unione, dove anche il mercato dell'auto e' stato pesantemente penalizzato dall'austerity imposta da Bruxelles.

Fa eccezione purtroppo l'Italia in cui la ''ripresina'' delineatasi a cavallo tra il 2013 e il 2014 subisce una battuta d'arresto in maggio''. Venendo ai dati, dalla comunicazione di oggi dell'Acea emerge che in maggio le immatricolazioni di autovetture dell'Unione Europea sono state 1.093.448 con una crescita del 4,5%. Si tratta del nono dato positivo mensile consecutivo.

L'entita' della crescita, se raffrontata con la media dei primi cinque mesi del 2013, indica un rallentamento del recupero. Il bilancio dei primi cinque mesi del 2014 chiude a quota 5.431.921 immatricolazioni con un incremento del 6,9% sul livello molto depresso dello stesso periodo del 2013, anno che rispetto all'ultimo dato ante-crisi (2007) aveva fatto registrare un calo del 24%. Al risultato di maggio, afferma il Centro Studi Promotor, i paesi che non hanno adottato l'euro hanno contribuito con una crescita del 7,8%, mentre nell'Eurozona la crescita non e' andata al di la' del 3,3%. Sempre nell'Eurozona, il recupero dei paesi della fascia meridionale e' particolarmente sostenuto: la Grecia cresce infatti del 42,3%, il Portogallo del 36,5%, Cipro del 24,2 % e la Spagna del 16,9 %. Fa eccezione purtroppo l'italia, che, dopo cinque mesi in moderata crescita, in maggio accusa un calo del 3,8%.

L'Italia e' il fanalino di coda anche fra i cinque maggiori mercati (Germania, Regno Unito, Francia, Italia e Spagna) che complessivamente valgono in maggio il 76% delle immatricolazioni dell'area e che sono tutti in crescita tranne l'Italia che, come si e' appena detto, cala del 3,8%.

I dati diffusi oggi dall'Acea riguardano anche i tre paesi dell'Efta (Islanda, Norvegia e Svizzera). L'area fa registrare cali dell'1% in maggio e dell'1,6% nel periodo gennaio-maggio.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Mps
Banche, Fonti Palazzo Chigi: nessun cdm previsto, schema dl pronto
Francia
Francia, è penuria di tartufi e i prezzi volano alle stelle
Brexit
Dijsselbloem dice che dalla Brexit non nascerà una nuova "City" Ue
Altre sezioni
Salute e Benessere
Orecchie a sventola, clip rivoluziona intervento chirurgico
Enogastronomia
Furono i sardi i primi a produrre vino nel Mediterraneo
Turismo
Confesercenti: alberghi prenotati al 75% per Ponte Immacolata
Lifestyle
Giochi, Agimeg: nel 2016 raccolta supera i 94 miliardi (+7,3%)
Moda
Per Herno nuovo flagship store a Seoul
Sostenibilità
All'Isola della Sostenibilità il mondo dell'economia circolare
Efficienza energetica
Natale 2016, focus risparmio energetico e trionfo regalo Hi-tech
Scienza e Innovazione
Le tecnologie spaziali che aiutano la sostenibilità
Motori
Flash Mob ai Fori per Amatrice con la Ferrari del record in Cina