domenica 26 febbraio | 02:21
pubblicato il 01/ott/2013 18:09

Auto: Csp, settembre ancora in rosso e prospettive problematiche

(ASCA) - Roma, 1 ott - In settembre le immatricolazioni di autovetture sono calate del 2,9% sullo stesso mese del 2012.

''Il risultato sarebbe stato piu' negativo se non si fosse verificato negli ultimi giorni del mese scorso una piccola corsa alle immatricolazioni determinata dall'intenzione di evitare l'aumento di un punto dell'Iva a partire da oggi''.

Lo sottolinea, in una nota, il Centro Studi Promotor, spiegando che ''il calo di settembre delude l'attesa di un primo segnale di recupero dopo la lunga e nerissima stagione che ha seguito la fine degli ultimi incentivi nel marzo 2010.

L'ipotesi di un'inversione di tendenza per il mercato dell'auto e' legata essenzialmente alle previsioni di ripresa dell'economia di cui ha parlato insistentemente il Ministro Saccomanni, previsioni basate essenzialmente sul miglioramento del clima di fiducia dei consumatori e delle imprese e sulla crescita modesta, ma significativa, dell'indice della produzione industriale in maggio e giugno (indice che pero' ha fatto registrare un calo in luglio)''.

Per il Csp ''il dato di settembre per le immatricolazioni e' un brusco richiamo alla realta'. Infatti la proiezione dei risultati acquisiti dall'inizio dell'anno a fine agosto portava a un volume di immatricolazioni di 1.314.000 per l'intero 2013, considerando invece anche il dato di settembre, la proiezione scende, sia pure leggermente, e si porta a quota 1.310.000, un livello molto depresso e in calo del 47,5% rispetto ai dati ante-crisi (2007). L'attesa del primo segno positivo dopo la lunghissima quaresima si sposta comunque su ottobre ed e' basata, oltre che sui dati che abbiamo citato sulla congiuntura economica generale, anche su qualche segnale positivo che proviene dal settore auto.

Infatti secondo l'inchiesta sulla fiducia dei consumatori condotta dall'Istat la propensione all'acquisto di autovetture ha fatto registrare un sensibile miglioramento tra il secondo e il terzo trimestre del 2013 e la tendenza ad una crescita delle intenzioni di acquisto emerge anche dalle rilevazioni dell'Osservatorio Findomestic''. Pur in un quadro ancora fortemente negativo, un certo miglioramento si registra poi anche nelle valutazioni dei concessionari interpellati nell'inchiesta congiunturale mensile dal Centro Studi Promotor. In particolare, secondo questa fonte, in settembre migliorano i giudizi dei concessionari sull'affluenza di potenziali acquirenti nelle show room e sulla raccolta di ordini.

Questi elementi per il Csp ''inducono a ritenere che la svolta per il mercato dell'auto possa verificarsi, come si e' accennato, in ottobre. Su questa previsione incombono pero' l'impatto dell'aumento dell'Iva, in vigore da oggi, e soprattutto le conseguenze, al momento difficilmente prevedibili, delle recentissime vicende politiche. Il mercato dell'auto per ripartire ha bisogno certamente che riparta l'economia, ma ha anche bisogno di un Governo che dimostri finalmente la disponibilita' ad affrontare i nodi specifici che hanno fin qui frenato la domanda: un eccesso di tassazione, prezzi dei carburanti e premi di assicurazione al top in Europa, difficolta' del credito e un atteggiamento dei pubblici poteri pervicacemente punitivo nei confronti dell'automobile e degli automobilisti''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Altre sezioni
Salute e Benessere
Fibrosi polmonare idiopatica, al Gemelli seminario internazionale
Motori
L'agricoltura del futuro: Case IH presenta il trattore autonomo
Enogastronomia
Ricerca Gfk: l'identikit dei nuovi consumatori al supermercato
Turismo
Boom degli affitti brevi in ambito turistico e non solo (+30%)
Energia e Ambiente
Progetto Life-Nereide: asfalto silenzioso da materiale riciclato
Moda
Nuova linea ready-to-wear de La Perla: sensuali giacche corsetto
Scienza e Innovazione
Esa, Vega: nel 2018 opportunità di volo per minisatelliti multipli
TechnoFun
Google crea strumento intelligenza artificiale anti-trolls
Sistema Trasporti
Da UNRAE protocollo costruttori-scuole per formare autisti hi-tech