lunedì 05 dicembre | 13:56
pubblicato il 18/giu/2013 10:20

Auto: Csp, a maggio immatricolazioni Ue -5,9% ma Eurozona -9%

(ASCA) - Roma, 18 giu - In maggio le immatricolazioni di autovetture nella Unione Europea hanno fatto registrare un calo del 5,9%. Si tratta del peggior risultato per il mese di maggio dal 1993. All'interno dell'Unione vi sono pero' andamenti nettamente differenziati per i paesi dell'Eurozona e per il complesso dei paesi che non hanno adottato l'euro.

Dalla rielaborazione dei dati Acea eseguita dal Centro Studi Promotor emerge infatti che nell'Eurozona si registra un calo del 9%, mentre il complesso dei paesi non euro, trainato dal Regno Unito (+11%), cresce del 4,3%. Questo incremento e' pienamente coerente con l'andamento del mercato automobilistico mondiale che, secondo gli ultimi dati disponibili, nel primo quadrimestre ha fatto registrare un incremento del 4,4%.

All'interno dell'Eurozona in maggio tutti i mercati nazionali sono in calo tranne quelli del Belgio e di tre piccoli paesi: Finlandia, Estonia e Slovenia. Contrazioni particolarmente pesanti riguardano i maggiori mercati con cali del 9,9% in Germania, del 10,4% in Francia e dell'8% in Italia.

Contrariamente a quanto potrebbe apparire sulla base di questi cali, il quadro del mercato italiano e' molto piu' serio di quello dei mercati tedesco e francese. Rispetto ai livelli ante-crisi (2007) infatti nel 2012 il calo delle immatricolazioni e' stato in Germania del 2,1%, in Francia dell'8,3% e in Italia di ben il 44%. La situazione del nostro mercato dell'auto appare particolarmente grave anche rispetto al contesto dell'economia italiana. Sui livelli ante-crisi il prodotto interno lordo e' infatti in calo del 6,5%, mentre l'indicatore piu' rappresentativo dell'economia reale, cioe' quello della produzione industriale, fa registrare un calo del 25%.

La particolare gravita' della crisi dell'auto in Italia, come emerge dal confronto con Pil e produzione industriale, non e' dunque riconducibile soltanto alla crisi economica, ma anche a fattori specifici di freno come il caro-carburanti, il caro-assicurazioni, le difficolta' del credito e un carico fiscale assolutamente abnorme. Data la situazione del mercato italiano, sostiene il Centro Studi Promotor, non si vede perche' il Governo, che si e' dimostrato sensibile alle istanze della nautica da diporto non dia un segnale positivo anche al mercato dell'auto cominciando ad allentare l'eccessiva tassazione specifica che colpisce il settore. red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Cambi
Cambi, euro in calo sul dollaro ai minimi da 21 mesi
Titoli di Stato
Il rendimento del Btp 10 anni torna sopra il 2%
Pil
Pil, Istat: verso stabilizzazione ritmo di crescita dell'economia
Ferrero
Ferrero si 'mangia' i biscotti belgi Delacre
Altre sezioni
Salute e Benessere
Sifo: in Italia 4 milioni di depressi. Ma solo 1 su 3 si cura
Enogastronomia
Festa a Roma con Heinz Beck per i 30 anni del Gambero Rosso
Turismo
Turismo, Franceschini: il 2017 sarà l'Anno dei Borghi
Lifestyle
Yocci, il Re della Torta di Carote e... il modo di essere
Moda
Gli angeli sexy di Victoria's Secret sfilano a Parigi
Sostenibilità
Smart City, modello Milano grazie a ruolo utilities
Efficienza energetica
Pesticidi: una minaccia per le api, colpito anche l'olfatto
Scienza e Innovazione
Ministeriale Esa, Battiston (Asi): l'Italia è molto soddisfatta
Motori
Audi A3 compie 20 anni, 3 generazioni e 4 milioni di esemplari