martedì 24 gennaio | 20:59
pubblicato il 03/giu/2014 18:08

Auto: Csp, a maggio battuta d'arresto del mercato

(ASCA) - Roma, 3 giu 2014 - Battuta d'arresto per il mercato dell'auto in Italia. Dopo cinque mesi in moderata crescita le immatricolazioni in maggio calano del 3,83%. Il segnale e' coerente con l'andamento dell'economia che, come mostrano gli ultimi dati resi noti sul Pil e sulla produzione industriale, dopo un accenno di ripresa, e' entrata in stagnazione. Sul calo delle immatricolazioni in maggio, sostiene il Centro Studi Promotor, hanno pero' influito anche elementi contingenti. In particolare ha influito la forte delusione per gli incentivi ecologici annunciati con grande clamore in aprile secondo la formula fallimentare gia' sperimentata nel 2013 (riproposta con marginali modifiche) e dotati di fondi esauritisi in pochissimo tempo. Il secondo elemento che ha frenato la domanda e' stato l'appuntamento elettorale.

L'attesa per il risultato delle urne e' da sempre nel nostro Paese un fattore di freno delle decisioni di acquisto, ma ancor piu' lo e' stata nella recente consultazione elettorale svoltasi in un clima di grande incertezza e preoccupazione. Al di la' degli effetti contingenti sulla domanda - continua il Csp -, l'analisi dei dati mostra che, come si e' gia' accennato, anche il mercato dell'auto e' in stagnazione.

La ripresina a cavallo tra 2013 e 2014 puo' essere considerata un rimbalzo. In maggio e' in calo anche il clima di fiducia degli operatori del settore auto determinato dal Centro Studi Promotor dopo una fase di recupero iniziata in dicembre. La domanda di autovetture potrebbe pero' nei prossimi mesi trarre elementi di sostegno da un ulteriore miglioramento del clima di fiducia dei consumatori e delle imprese alimentato dalla nuova situazione determinatasi con il risultato elettorale delle europee. Sulla caduta della domanda di auto ha influito in maniera determinante la contrazione dell'economia reale, ma un impatto notevole lo hanno avuto anche elementi psicologici, come la forte preoccupazione per il futuro che ha determinato un calo della domanda di auto molto superiore alla contrazione dell'economia reale. Rispetto ai livelli ante-crisi il Pil e' infatti in calo del 9%, la produzione industriale scende del 24,6%, ma le immatricolazioni di autovetture sono crollate del 48%. Una crescita della fiducia potrebbe quindi dare un contributo per far uscire le immatricolazioni dalla situazione di stallo in cui si trovano anche prima che abbiano affetto i provvedimenti gia' varati dal Governo per sostenere i salari. E' comunque del tutto evidente che il mercato dell'auto non sarebbe in condizioni di reggere, neppure sui livelli attuali, se vi fossero nuove penalizzazioni dei consumi automobilistici. ''Preoccupano a questo proposito, sostiene il presidente del Centro Studi Promotor Gian Primo Quagliano, le recentissime raccomandazioni all'Italia della Commissione Europea ed in particolare preoccupa l'invito a trasferire ulteriormente carico fiscale sui consumi. La Commissione Europea, sostiene Quagliano, nell'adottare queste raccomandazioni dimostra un parziale recepimento del messaggio venuto con grande forza dalle urne, ma mantiene l'impostazione regressiva che ha caratterizzato la sua azione. Tassare i consumi e' l'esatto contrario di quello che occorre per rilanciare le economie italiana ed europea che stanno vivendo innanzitutto una crisi di domanda, come nella grande depressione del ''29. Tassare i consumi e' un'indicazione - si augura il Centro Studi Promotor - che il Governo non seguira' perche' sarebbe in netto contrasto con la manovra degli ''80 euro in piu' in busta paga'' e contribuirebbe a rinviare ulteriormente le attese di ripresa dell'economia in generale e del mercato dell'auto in particolare''.

red/glr

TAG CORRELATI
Gli articoli più letti
Usa
Trump vede produttori auto, anche Marchionne, e promette "spinta"
Generali
Battaglia su Generali infiamma titolo, vola Mediobanca
Taxi
Faro Antitrust su radio taxi, al via due istruttorie
Aeroporti
Aeroporti, Enac: nei prossimi 5 anni investimenti per 4,2 mld
Altre sezioni
Salute e Benessere
Salute, ok Camera a mozione contro l'abuso di antibiotici

Roma, 24 gen. (askanews) - "Approvata dalla Camera la nostra mozione contro la resistenza agli antibiotici, un fenomeno che, di questo passo, entro il 2050 potrebbe diventare...

Motori
John Lennon, all'asta la sua Mercedes-Benz 230SL Roadster
Enogastronomia
Del Pesce sarà main sponsor di Aquafarm 2017
Turismo
Alla scoperta di Piacenza con Sorgentedelvino Live
Energia e Ambiente
Pericolo estinzione per il 60% di tutte le specie di primati
Moda
Moda Parigi, l'eleganza rilassata dell'uomo Louis Vuitton
Scienza e Innovazione
Spazio, Pasquali: Leonardo pronta a cogliere opportunità sviluppo
TechnoFun
Cyber attacchi, dal 2001 in Italia hackerati 12mila siti web
Sistema Trasporti
Confermato avvio lavori di interconnessione tra Brebemi e A4